Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 28 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Migranti: 10 anni di errori, ipocrisie, propaganda e il falso problema delle Ong

Attualità martedì 31 dicembre 2019 ore 18:40

Capodanno, alla Toscana piace senza botti

Divieti a Firenze, Arezzo, Siena e Pistoia. Invito al buonsenso a Grosseto e Prato mentre a Pisa arriva l'ambulanza per gli animali spaventati



FIRENZE — C'è chi dice no ai botti, c'è chi chiede di esercitare il buon senso e chi pensa già a soccorrere gli animali che a mezzanotte si spaventeranno. I Comuni della Toscana hanno preso provvedimenti diversi ma tutti, a chi sarà in strada o in piazza a festeggiare l'arrivo del 2020, chiedono di stare attenti alla propria e alla altrui sicurezza. 

A Firenze, dove la notte di San Silvestro si festeggerà in venti differenti luoghi, i botti e le bevande in bottiglia sono vietati in tutta la zona del centro storico che rientra nel patrimonio Unesco come richiesto dal comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito nei giorni scorsi in prefettura. Nello specifico, i divieti entreranno in vigore alle 19 del 31 dicembre fino alle 3 del 1 gennaio.

Divieti anche ad Arezzo, ma solo per alcune strade del centro e nello specifico in piazza Grande, nella ZTL B, nelle aree pedonali urbane, in via Ricasoli, in via Bruno Buozzi, in via De' Palagi e in tutto il parco del Prato. Lo stop ai botti è esteso anche a tutto il 1 gennaio 2020. 

A Siena il divieto di accendere botti, petardi e fuochi artificiali è in vigore già dalla mezzanotte del 30 dicembre e resterà fino alla stessa ora del 1 gennaio. Fuori discussione l'introduzione di petardi in piazza del Campo. 

A Pistoia niente botti dalle 16 del 31 dicembre alle 16 del 1 gennaio nei luoghi pubblici e in quelli privati aperti al pubblico, ma non solo: con un'ordinanza, il sindaco ha anche vietato l'uso delle "lanterne cinesi volanti" e di ogni altro oggetto che voli e che abbia a bordo una fiamma libera. 

Ci sono poi i Comuni che invitano a usare cautela e a fare attenzione. Nessuna ordinanza, ad esempio, a Lucca dove comunque il Comune ricorda che il regolamento di polizia urbana vieta di accendere e far esplodere petardi e artifici pirotecnici, mortaretti e razzetti nei luoghi pubblici. Il rischio è di buscarsi una multa fino a 450 euro. Invito al buonsenso anche a Grosseto: anche qui non ci sono specifiche ordinanze ma si fa sempre riferimento al regolamento che vieta di far scoppiare i botti dove possano creare disturbo o danni. Stessa musica a Prato e in Valbisenzio. A Prato, in particolare, è stata avviata una specifica campagna per sensibilizzare al rispetto degli animali che possono essere spaventati dai petardi.

A proposito di animali, a Pisa è stata addirittura predisposta un'ambulanza veterinaria che sarà in servizio fino alle due per aiutare gli amici a quattro zampe. Ci saranno anche i volontari e le guardie zoofile per prestare soccorso agli animali che avessero necessità di assistenza. 

Botti vietati anche ad Aulla, in provincia di Massa Carrara. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vittima è un uomo di 47 anni che aveva appena terminato di giocare una partita di calcetto. Vani i soccorsi. Lascia tre figli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità