Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE16°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 07 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Civili torturati, trincee, bunker e mitragliatrici come nel 1915: viaggio nella prima linea ucraina dopo Kherson lungo il fiume Dnipro

Attualità venerdì 04 giugno 2021 ore 16:50

Cassa integrazione sbloccata per 20mila artigiani

Inviati agli artigiani toscani i bonifici di Gennaio, Febbraio e Marzo. Oltre 337 milioni di euro sono stati accreditati dallo Stato a Fsba



FIRENZE — Boccata d'ossigeno per gli oltre 20mila lavoratori artigiani toscani che attendevano ancora la cassa integrazione di Gennaio, Febbraio e Marzo, per un totale di circa 5mila aziende coinvolte.

“Oltre 337 milioni di euro sono stati accreditati il 28 maggio dallo Stato a Fsba, il Fondo di solidarietà bilaterale dell’artigianato e, in Toscana, Ebret, l’Ente Bilaterale dell'Artigianato Toscano, ha già provveduto ai bonifici di gennaio, febbraio e marzo che quindi sono arrivati, o stanno arrivando in queste ore, nei conti correnti dei dipendenti dell’artigianato. Si tratta di numeri molto rilevanti, rispetto ai quali il Fondo e Ebret assicurano la massima efficienza gestionale per garantire una rapida lavorazione delle domande di sostegno al reddito. Ancora una volta la bilateralità si conferma elemento di grande valore per il sistema dell’artigianato e FSBA strumento indispensabile per consentire alle imprese artigiane di fronteggiare la pandemia”.

È l’aggiornamento di Giacomo Cioni, presidente di CNA Firenze Metropolitana, sullo stato del pagamento della cassa integrazione dei lavoratori dell’artigianato, cronicamente in ritardo rispetto alla cassa integrazione dei lavoratori degli altri settori.

“È la modalità di trasferimento delle risorse dal Ministero all’Ebret a non funzionare, causa eccesso di burocrazia che la rende ingestibile – prosegue Cioni - I controlli, sacrosanti, vanno eseguiti ma a posteriori: prima il pagamento della cassa, poi i controlli su eventuali attribuzioni non spettanti”.

Il ricorso alla cassa integrazione è destinato a diminuire nei prossimi mesi, ma “è imperativo che lo Stato, oltre a provvedere al pagamento celere dei mesi di aprile e maggio, metta a disposizione fin da adesso un plafond per soddisfare le richieste del prossimo futuro” conclude Cioni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il conducente, 37 anni, ha riportato un brutto trauma cranico ed è stato soccorso in codice rosso per poi essere trasportato d'urgenza in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità