Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:FIRENZE21°32°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 09 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Olivia Newton John: la trasformazione nel finale di «Grease»

Attualità mercoledì 06 novembre 2019 ore 11:15

Cava Fornace, mozione di sfiducia per Fratoni

Mozione di sfiducia per l’Assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni protocollata in Consiglio regionale, primo firmatario Giacomo Giannarelli



FIRENZE — Una mozione di sfiducia per l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni è stata protocollata oggi in Consiglio regionale, primo firmatario Giacomo Giannarelli, presidente del gruppo regionale del MoVimento 5 Stelle. Il motivo è la mancata chiusura della discarica Cava Fornace, a Montignoso.

La discarica, nata per raccogliere gli scarti della lavorazione del marmo, oggi raccoglie anche terre di scavo o bonifica e amianto da tutta Italia.

“Sulla discarica di Cava Fornace – spiega Giannarelli - l’assessore Fratoni tradisce l’indicazione politica del Consiglio regionale, che con ben due mozioni aveva chiesto la chiusura della discarica. Già nel 2017 il MoVimento 5 Stelle si attivò in Consiglio regionale per chiederne la chiusura. Poiché lo stesso Assessore ha dichiarato che non è possibile chiudere Cava Fornace, è evidente che debba o dimettersi di sua spontanea volontà o essere dimessa dal Presidente Rossi. Fratoni disattende le precise volontà dell’Assemblea consiliare e per giunta anche del suo stesso partito. Occorre fare chiarezza sulla posizione del Partito Democratico che in Consiglio, sul tema rifiuti, ma non solo, vota una cosa e per mano di un proprio esponente di Giunta, invece, ne fa un’altra. Noi del MoVimento 5 Stelle non molleremo la questione, Cava Fornace deve essere chiusa”.

Anche Gabriele Bianchi, Consigliere regionale pentastellato, interviene sulla vicenda: “Sono anni che sosteniamo questa battaglia per chiudere Cava Fornace, non possiamo sopportare ulteriori silenzi o distorsioni della realtà. L'Assessore Fratoni, a sua difesa, sostiene che il "progetto di innalzamento delle arginature" sarebbe stato autorizzato dalle Province di Massa Carrara e Lucca, ma non è così: l'Autorizzazione Integrata Ambientale vigente prevede tre fasi di coltivazione e autorizza all'esercizio solo la prima fase (quella fino a quota 43mt sul livello del mare). Nessun innalzamento degli argini è pertanto autorizzato né tantomeno devono essere le province ad autorizzarlo, bensì proprio la Regione Toscana.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una vettura contromano sulla Firenze Pisa Livorno si è scontrata con altre due automobili. Cinque persone sono rimaste ferite nell'incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca