Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:08 METEO:FIRENZE18°22°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 19 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Space X, rientrati i primi turisti spaziali: l'ammaraggio della capsula al largo della Florida

Attualità lunedì 24 ottobre 2016 ore 16:35

Coop Connection, storia di un'economia parallela

Il libro di Amorosi è stato per il Movimento 5 stelle il primo passo per dare il via al focus sui rapporti tra cooperative e pubblica amministrazione



FIRENZE — La presentazione del volume è stata anticipata dalla conferenza stampa dei consiglieri regionali del Movimento 5 stelle, Giacomo Giannarelli e Enrico Cantone che hanno reso pubblica l'intenzione di lanciare un focus sui rapporti che intercorrono tra cooperative e pubblica amministrazione in Consiglio Regionale. 

Il primo step per dare il via a questa indagine è stata proprio la presentazione del libro di Antonio Amorosi, "Coop Connection - Nessuno tocchi il sistema, i tentacoli avvelenati di un economia parallela". 

"151 miliardi di euro è il fatturato annuo delle cooperative italiane. Pari all’8% del pil italiano - ha detto Antonio Amorosi - ma nonostante questo è difficile riuscirne a parlare in modo esaustivo. Il mondo delle coop è infatti un chiuso e coeso, difficile da penetrare. Ed è anche un mondo ricco, fatto di affari, amicizie e favori, riconducibili sempre allo stesso partito.Uno studio di RS Mediobanca - continua Amorosi - ci svela che dal 2009 al 2013 le entrate delle coop derivano per i tre quarti dalla Borsa, mentre solo il restante quarto proviene dalla vendita dei loro prodotti. Una strana proporzione: le coop, infatti, dovrebbero svolgere attività mutualistica e solidaristica, causa per la quale approfittano di regimi fiscali particolarmente privilegiati, e invece riescono ad operare in borsa. In più fanno raccolta finanziaria, 10 miliardi di euro in uno solo anno, per un’attività che non potrebbero fare e che solo le banche sono autorizzate a svolgere, per giunta non soggetta al controllo della Consob” ha aggiunto Amorosi.

“Le cooperative - segnala Enrico Cantone - sono uno strumento in mano ai poteri forti della politica. Occorre sradicare questo sistema di affari e intrecci, noi continueremo a fare la nostra parte iniziando con l’approfondire quanto emerso nell’inchiesta di Antonio Amorosi”. 

“Accendiamo un faro oggi su questo sistema - ha aggiunta Giannarelli - e i suoi rapporti con la politica. I cittadini chiedono verità sulle cooperative, il loro coinvolgimento nelle grandi opere, i rapporti di finanziamento con i rappresentanti politici”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dell'imprenditore si erano perse le tracce a Gennaio, quando si trovava in Albania da qualche mese per affari. Indagini in corso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità