Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:40 METEO:FIRENZE11°15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il figlio di Perisic consola Neymar in lacrime, la stretta di mano poi il commovente abbraccio

Attualità venerdì 30 settembre 2022 ore 18:45

Vaccino bivalente, si parte con le prenotazioni

vaccinatore

Dal 4 Ottobre alle 14 si potrà prenotare la somministrazione come seconda dose di richiamo anti Covid per chi ha almeno 12 anni. Ecco come



FIRENZE — A partire dal 3 Ottobre i pazienti fragili e con compromissioni del sistema immunitario verranno contattati dal proprio centro di riferimento delle strutture specialistiche delle aziende sanitarie territoriali e delle aziende ospedaliere per ricevere il vaccino bivalente anti Covid, quello adattato anche alla variante Omicron.

Poi, dal 4 Ottobre alle 14, i vaccini bivalenti a m-Rna saranno resi disponibili come seconda dose di richiamo per tutta la popolazione con almeno 12 anni: la quarta dose potrà essere prenotata attraverso il portale regionale prenotavaccino.sanita.toscana.it, a distanza di almeno 4 mesi dalla somministrazione della terza dose.

Si parte quindi con la nuova fase della campagna vaccinale anti Covid-19, secondo le nuove indicazioni sull’uso dei vaccini a m-Rna bivalenti su cui la Regione ha inviato una circolare ai direttori generali e sanitari delle aziende Usl toscane che tiene conto ed applica le direttive arrivate a sua volta dal Ministero della salute.

Le persone più fragili

Nello specifico si raccomanda prioritariamente l’utilizzo delle formulazione di vaccini a m-Rna bivalenti come seconda dose di richiamo ai soggetti con marcata comprimissione della risposta immunitaria per patologia o a trattamenti farmacologici e ai soggetti sottoposti al trapianto emopoietico o di organo solido

Per loro si tratta della quinta somministrazione perché in questi casi il ciclo primario è composto da 3 dosi (ciclo standard più dose addizionale a 28 giorni di distanza) e si può somministrare a distanza di almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo.

Sarà compito dei centri di riferimento delle strutture specialistiche delle aziende sanitarie territoriali e delle aziende ospedaliere che hanno la responsabilità della gestione del percorso clinico verificare chi rientra in questa casistica. In caso ci siano tutte le condizioni indicate e previste, sarà il centro di riferimento a chiamare direttamente i pazienti ed effettura la vaccinazione, a partire dal 3 Ottobre. Chi è seguito da centri specialistici fuori regione può telefonare all’800.556060, numero unico regionale info sanità, per fissare un appuntamento.

Nella circolare si raccomanda inoltre l’uso dei vaccini bivalenti, come seconda dose di richiamo, per le persone con almeno o più di 60 anni, per le persone da 12 anni in su con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti e preesistenti, per gli operatori sanitari, per gli ospiti e operatori delle strutture residenziali e per le donne in gravidanza.

Richiamo per tutti dai 12 anni in su

Ugualmente, i vaccini bivalenti sono raccomandati prioritariamente come prima dose di richiamo per tutte le persone da 12 anni in su, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il completamente del ciclo primario.

Dal 4 ottobre alle 14, sempre in applicazione delle indicazioni del Ministero della salute, i vaccini bivalenti saranno resi disponibili come seconda dose di richiamo per tutti, per chi vorrà vaccinarsi ed ha almeno 12 anni. La quarta dose potrà essere prenotata attraverso il portale regionale prenotavaccino.sanita.toscana.it, a distanza di almeno 4 mesi dalla somministrazione della terza dose.

L'invito a vaccinarsi

“Vaccinatevi e fate i richiami”, è l’appello del presidente della Toscana Eugenio Giani. “Ci sono dosi di vaccino a sufficienza: già oltre 300mila - spiega in una nota in cui si ricorda che la vaccinazione bivalente si può ricevere presso i medici di base anche in contemporanea a quella contro l'influenza - sono nei magazzini ed altre ne arriveranno settimanalmente, se necessari”.

“Non dobbiamo dimenticare quello che la pandemia ci ha insegnato in questi due anni – commenta l’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini –. Prevenire, oltre a salvare vite, aiuta a ridurre il rischio di sovraffollamento di ospedali e terapie intensive”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno