Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:00 METEO:FIRENZE15°24°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord lancia missile verso il Giappone: le sirene d'allarme a Misawa

Attualità giovedì 23 luglio 2020 ore 16:10

Educatori in piazza, senza linee guida è un rebus

La Cgil in piazza ha denunciato la mancanza delle direttive per organizzare l'attività ed ha avanzato richieste per garantire la ripresa a settembre



FIRENZE — Nel pomeriggio si è svolto un presidio a Firenze in piazza Duomo davanti alla sede della Giunta della Regione Toscana per garantire la ripresa a settembre dei servizi scolastici da zero a sei anni. 

A luglio i centri estivi sono stati il banco di prova per il riavvio delle attività in presenza dopo la sospensione dei servizi, con piccoli gruppi ed attività principalmente all’aperto ma ha reso evidente da un lato cosa sia necessario per la riapertura dei servizi a settembre e dall’altro ha fatto riemergere vecchie criticità del settore.

La Cgil ha spiegato "In molti comuni a partire dalla Città metropolitana di Firenze, i servizi educativi 0-3, lo scorso anno, erano garantiti mediamente al 40 per cento delle bambine e dei bambini, con percentuali più alte dove maggiore è la gestione diretta dei servizi da parte dei Comuni. Per garantire lo stesso livello di posti disponibili, la stessa qualità del servizio e un corretto rapporto numerico educatore/bambini nelle varie fasce orarie della giornata, così da consentire un’organizzazione in piena sicurezza, occorrono investimenti e nuove assunzioni".

Cosa occorre? "Serve aggiornare i Protocolli di sicurezza in relazione alle attività educative che verranno svolte, ed agli spazi che devono essere adeguati: troppo grande è il tributo già pagato dal personale in termini di contagio della malattia perché il tema della sicurezza non sia centrale, e infine occorre una formazione mirata a tutto il personale per gestire l’inevitabile cambiamento e per renderlo pronto ad affrontare la nuova normalità. L’esperienza dei centri estivi educativi ha riportato anche l’attenzione sulla necessità di armonizzare il calendario educativo della prima infanzia con i calendari scolastici previsti per tutti i percorsi formativi della scuola statale, così da avere un elemento di avanzamento qualitativo dell'offerta formativa aggiuntiva omogenea e attenta ai bisogni di formazione dei bambini e delle bambine. Infine riteniamo che gli investimenti sul personale debbano superare le disparità in essere nel settore tra lavoratrici e lavoratori pubblici e privati in termini di differenza salariale e di diritti, affinché non si alimentino forme di dumping contrattuale nell’attuale equilibrio tra strutture pubbliche piuttosto che in appalto o concessione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Educatori toscani chiedono garanzie per la ripartenza a Settembre dei servizi per l'infanzia 0-6
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A scoprire i corpi dei due, fiorentini, sono stati i carabinieri a seguito dell'allarme lanciato da una donna che non riusciva a contattarli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità