Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:40 METEO:FIRENZE19°33°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 13 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Salman Rushdie, il momento dell'accoltellamento a New York

Attualità martedì 02 agosto 2016 ore 13:41

Emergenza casa, 1300 alloggi popolari in più

Saranno realizzati nei prossimi tre anni e andranno ad aggiungersi ai quasi 50mila già esistenti nella Regione, per far fronte al problema casa



FIRENZE — Lo ha annunciato l'assessore toscano al territorio, con delega alla casa, Vincenzo Ceccarelli, in una comunicazione al Consiglio regionale sulle politiche abitative. 

"La Regione Toscana - ha spiegato Ceccarelli - assicura il massimo impegno in merito a tutte le azioni necessarie a porre il diritto alla casa al centro dei bisogni da soddisfare da parte dei cittadini. Nel periodo dal 2010 al 2015 la Regione ha garantito, direttamente o indirettamente, circa 318 milioni di euro, di cui 73 milioni solo nell'anno passato. Vi è tuttavia adesso la necessità di realizzare un'operazione di riorganizzazione delle politiche abitative e un rilancio dell'edilizia popolare". 

Per l’assessore Ceccarelli, proprio in virtù della necessità di realizzare un’operazione di riorganizzazione e il rilancio dell’edilizia popolare, “serve una semplificazione del quadro normativo e l’attivazione di nuove risorse per gli investimenti”, perché “vogliamo dare corpo a una politica abitativa che coniuga diritti e legalità”.

“Da un lato vogliamo corrispondere al massimo grado al diritto alla casa, attivando un mutuo per garantire investimenti pari a quasi 100 milioni di euro, ma dall’altro vogliamo avere e dare strumenti efficaci per colpire in modo rigoroso chi non ha i requisiti per godere degli aiuti”.

La Regione, in questo quadro e alla luce dei nuovi scenari, “non ha intenzione di depauperare, bensì di qualificare il patrimonio Erp”. Tanto che, solo nei prossimi tre anni, saranno realizzati circa mille e 300 alloggi popolari, che andranno ad aggiungersi ai quasi 50mila già esistenti in Toscana, gestiti dalle undici aziende pubbliche per la casa.

Durante il Consiglio regionale è stata anche approvata risoluzione del PD. Proseguire la politica degli investimenti e avviare un percorso di revisione della governance e della normativa regionale di settore, continuare il confronto con tutti i soggetti interessati e informare periodicamente il Consiglio regionale sugli sviluppi degli interventi con specifiche comunicazioni alla commissione consiliare competente. Sono queste le principali richieste contenute nella proposta di risoluzione firmata dal capogruppo pd Leonardo Marras insieme ai consiglieri Meucci, Gazzetti, Niccolai e Monni.

"Quello della casa è un tema assolutamente centrale di questa legislatura – sottolinea nel suo intervento Titta Meucci - è un tema che ci impone di presidiare queste politiche perché sono emergenza quotidiana che vede i sindaci in trincea e non possiamo lasciarli soli. E’ necessario il potenziamento e l’avvio di un percorso che ci attendiamo verrà sviluppato nel PRS per le strategie dei prossimi anni, un tema che richiede non solo interventi di breve e medio ma anche di lungo termine considerato che ad oggi risultano depositate circa 25.000 domande di nuovi alloggi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

VINCENZO CECCARELI SU EMERGENZA ABITATIVA dichiarazione
ELISABETTA MEUCCI SU EMERGENZA ABITATIVA - dichiarazione

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Aveva 10 anni il bambino del Pistoiese rimasto vittima della tragedia mentre si trovava in vacanza da parenti insieme ai suoi familiari
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità