Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 28 febbraio 2020

Attualità giovedì 05 dicembre 2019 ore 11:06

Epatite C, calo dei nuovi trattamenti in Toscana

Dai quattromila casi trattati nel 2018 si è passati a 2500. Brillanti, professore di gastroenterologia dell'Università di Siena: "Calo fisiologico"



FIRENZE — Le persone malate di Epatite C e che sono curate con i nuovi trattamenti sono in calo. I dati sono omogenei per tutta l'Italia e riguardano quindi anche la Toscana dove siamo passati dalle 4000 persone curate nel 2018 alle 2500 di quest'anno ormai concluso.

A quanto si apprende, per invertire il trend è necessario l'apporto dei medici di famiglia che indichino ai malati questa possibilità. Il professore di Gastroenterologia dell'Università di Siena, Stefano Brillanti ha spiegato che la situazione in Toscana è buona e che dal punto di vista amministrativo è stato fatto tutto il necessario. Per Brillanti si tratta di un "calo fisiologico", si potrebbero trovare altri malati tra le persone che frequentano i Serd, ad esempio.

Secondo il professore le persone che abitano in Toscana, che sono malate e che non sono curate sono almeno 10-12mila.



Tag

Coronavirus, italiani bloccati a Tel Aviv: il rientro amaro a Roma

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità