comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 26°34° 
Domani 26°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 09 agosto 2020
corriere tv
Migranti e rotta balcanica: ecco i confini sguarniti tra Italia e Slovenia dove ogni notte passano a piedi centinaia di invisibili

Attualità sabato 11 luglio 2020 ore 12:11

Epidemia Covid, pesano i microfocolai familiari

I toscani attualmente positivi sono il 3,2% dei contagiati totali ma si continuano a registrare nuovi casi. Cresce l'indice Rt a causa dei cluster



FIRENZE — Nuovo rapporto settimanale sull'andamento dell'epidemia di Covid dell'Agenzia regionale di sanità della Toscana, con i dati più rilevanti in evidenza aggiornati a ieri, 10 Luglio.

Sono 337 (324 nel rapporto della scorsa settimana) i toscani attualmente positivi al SarsCov2 (3,2% della casistica totale), di cui solo 11 sono ricoverati in ospedale. Questo dato è in diminuzione da oltre un mese, grazie al progressivo aumento dei pazienti che guariscono e alla costante diminuzione dei nuovi casi positivi. 

L’andamento dell’epidemia nelle province però non è uniforme. Massa e Carrara e Lucca hanno mostrato finora una crescita più rapida, seguite da Firenze, mentre le province meno colpite sono quelle di Livorno e Siena. Sul territorio regionale l'epidemia sembra perdere terreno ma continuano ad essere rilevati microfocolai come quelli di Pian di Scò, dell'Impruneta, di Viareggio e Cortona. Visualizzando il grafico riportato sul sito dell'Ars e relativo all'indice Rt (ovvero al numero medio di nuovi contagi per ogni persona infettata), dal 29 Giugno al 6 Luglio in Toscana è sempre stato superiore a 1:

7/7 Rt 1,21

6/7 Rt 1,4

5/7 Rt 1,5

4/7 Rt 1,51

3/7 Rt 1,18

2/7 Rt 1,29

1/7 Rt 1,09

per quanto riguarda i decessi la provincia di Massa e Carrara è stata finora la più colpita, seguita da Firenze, Lucca e Pistoia. Tutta l’area geografico-amministrativa Sud-est della Toscana è stata altresì meno interessata dal fenomeno. La letalità nella nostra regione è pari al 10,9% e si mantiene al di sotto della media nazionale (14,4%).

I nuovi casi giornalieri hanno raggiunto numerosità molto basse ma nell’ultima settimana sono leggermente risaliti a 8 (media su 7 giorni), per la comparsa di alcuni piccoli cluster di casi, prontamente intercettati e isolati dai servizi territoriali. 

Attualmente su 1.000 persone sottoposte a tampone (compresi eventuali tamponi di controllo per guarigione dei malati), 5 risultano positive. La percentuale (0,5%) è diminuita nel tempo ed è ormai stabile su questi valori, coerentemente con l’esaurimento dell’epidemia.

Incidenza, velocità di crescita della curva epidemica, percentuali di ricoverati e proporzione dei ricoveri in terapia intensiva variano notevolmente nelle tre aree vaste per fattori come densità abitativa, tempo d’insorgenza dei primi contagi, organizzazione della rete ospedaliera e territoriale, criteri per l’indagine epidemiologica. 

La situazione, aggiornata al 9 luglio, mostra come in ciascuna azienda la disponibilità di posti letto di intensiva e di area medica è molto ampia. Focalizzandoci sulla terapia intensiva, rispetto alla capienza massima i letti occupati rappresentano una percentuale molto bassa: a livello complessivo regionale è in questo momento 1,7% (range 0 – 3,3). La progressiva riduzione di posti letto intensivi (90, al 9 luglio) e della riserva di espansione ha seguito la curva della domanda, garantendo in ogni momento ampia disponibilità di posti letto.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità