Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE10°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lite Conte-Lautaro, il finto match di boxe ad Appiano

Attualità venerdì 08 aprile 2016 ore 17:34

I corpi dei defunti come risorse rinnovabili

Il M5S considera la cremazione e la sepoltura superabili

Il M5S presenterà in Consiglio regionale una proposta per trattare le salme con tecniche alternative. "Sepoltura e cremazione sono superabili"



FIRENZE — La cremazione dei corpi produce inquinanti organici persistenti. Pertanto va superata, mentre i corpi potrebbero essere riutilizzati. Ad affermarlo è il Movimento cinque stelle della Toscana, che ha deciso di presentare al Consiglio regionale la proposta di sposare la transizione verso nuove tecniche per il trattamento dei defunti.

"La stessa polvere potrebbe essere riutilizzata per completare il ciclo della vita come terriccio per seminare piante, fiori o alberi” dichiara Giacomo Giannarelli consigliere regionale M5S e vicepresidente della commissione ambiente e territorio.

Secondo il Movimento tra le sostanze diffuse nel processo di cremazione risultano policlorurati e furari: "Indicati dalla Convenzione di Stoccolma come emissioni cancerogene pericolose per la salute". Per questo motivo i pentastellati hanno deciso di proporre, quali alternative, la resomazione e la criomazione.

“Il Pit toscano indica 9 forni crematori nel territorio regionale - segnalano i consiglieri regionali M5S. - Sono più che sufficienti ed è necessario vedere oltre anche nel campo del come trattare i corpi defunti”.

"La cremazione del nostro corpo, al pari della sepoltura - insistono i pentastellati - sono tecniche superabili. Comportano difficoltà di gestione degli spazi o il noto problema dell’emissione di inquinanti. Le soluzioni ci sono e la Toscana potrebbe essere il motore di un percorso istituzionale di indirizzo, centrato sulla conversione degli attuali impianti crematori in impianti di resomazione o criomazione a freddo".

"La prima - spiegano dal M5S - conclude il processo di consumazione negli stessi tempi della cremazione con tre vantaggi: serve meno energia, si evitano esalazioni di mercurio (derivante dalle protesi dentali) e diminuiscono del 35 per cento le emissioni inquinanti generali” prosegue Giannarelli.

“La criomazione a freddo sfrutta invece il processo inverso a quello della cremazione, usando il freddo al posto del calore. L’idrogeno liquido porta il corpo a -196 gradi e questo viene successivamente polverizzato eliminandovi parte ferrose estranee come appunto le protesi".

La descrizione prosegue: "Un secondo raffreddamento riduce ulteriormente i volumi rimasti fino ad asciugare tutti i liquidi e produrre ceneri simili a quelle effetto della cremazione ma prive di virus e batteri" conclude Giannarelli.

“E’ necessario parlare con la massima lucidità e discrezione di questi temi. Ma un buon governo deve trattarli e non far finta di niente. Deve avere una visione del mondo a trent’anni, e auspichiamo che nel mondo sviluppato i corpi defunti saranno trattati con tecniche capaci di tutelare i vivi dai loro inquinanti” concludono i consiglieri M5S.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Regione ha predisposto un calendario che prevede, dal 12 al 15 Maggio, l'apertura graduale delle agende. Ma scarseggiano i posti per i sessantenni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Sport