Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:45 METEO:FIRENZE20°33°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 17 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro2020, paracadutista sullo stadio prima di Germania-Francia: urta un cavo e rischia finire sulle tribune

Attualità venerdì 10 giugno 2016 ore 15:00

L'industria del riciclo cerca un posto al sole

In occasione dei 30 anni di Revet arriva la proposta di inserire nel piano di sviluppo regionale un progetto che dia slancio a un settore in crescita



FIRENZE — La Toscana del riciclaggio cresce e lo fa a passo sempre più sostenuto. Lo dice il quadro presentato nel corso del convegno che si è svolto nella sala dell'altana di palazzo Strozzi a Firenze in occasione dei 30 anni di Revet. La storia è iniziata nel 1986 con la raccolta del vetro nelle imprese dell'empolese, poi esteso anche ai cittadini. Da lì, la raccolta si è estesa a carta, cartone, acciaio e imballaggi. 

I numeri descrivono un panorama virtuoso, con la raccolta differenziata che negli ultimi quindici anni si è quadruplicata. "Se ci guida l'onestà intellettuale di paragonare realtà dimensionalmente e infrastrutturalmente simili nel nostro paese, - ha detto il presidente di Revet Alessandro Canovai - emerge che la Toscana è tra le realtà più avanzate d'Italia con un trend di crescita sia della raccolta differenziata che sappiamo non essere ora più il parametro principale, che del riciclaggio, vero obiettivo finale da raggiungere".

Un obiettivo per il cui raggiungimento, nel corso del convegno, è stata lanciata anche una proposta, cioè l'inserimento del progetto sul riciclaggio nel piano regionale di sviluppo della Regione Toscana. “Una proposta industriale ed ambientale al tempo stesso: meno risorse consumate, maggiore efficienza energetica nei prodotti, meno inquinamento - ha spiegato il presidente di Confservizi Cispel Alfredo De Girolamo - il mercato del riciclo non ha navuto negli ultimi anni gli incentivi che hanno avuto altri settori come per esempio le energie rinnovabili e per poterlo sostenere in un quadro di regole comuni a tutti i 28 membri dell'Unione Europea può essere utile per raggiungere tutti gli stessi obiettivi".

Intanto, la strada annunciata è quella del potenziamento degli impianti, la valorizzazione delle filiere Revet e il potenziamento del polo del riciclo del vetro di Empoli. 

Servizio di Dario Pagli
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Stava passeggiando quando il pezzo di intonaco l'ha travolta. La donna si trova in gravi condizioni ricoverata all'ospedale di Livorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Cronaca