Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:37 METEO:FIRENZE10°13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nel bunker segreto dei droni: così gli ucraini li armano e li adattano per la guerra

Attualità lunedì 07 dicembre 2015 ore 19:01

L’abete di plastica sorpassa l’abete naturale

E’ la prima volta. Un toscano su due, secondo un sondaggio web di Coldiretti Toscana, addobberà un albero finto. Resiste comunque quello tradizionale



FIRENZE — L’abete naturale, di cui la Toscana è la capitale nazionale con oltre 3milioni di esemplari coltivati concentrati tra il Casentino, Valtiberina e Pistoia, resiste nel 38% delle case dei toscani

Il 12% ha invece confessato che non allestirà nessun albero rinunciando quindi ad uno dei simboli delle festività. Un dato, quest’ultimo, sostanzialmente il linea rispetto al passato.

Che le abitudini, anche a Natale, siano cambiate per effetto della crisi lo sanno bene anche i produttori di alberi.

L’albero post-crisi è più leggero e più corto rispetto al passato quando andava di moda imponente ed altissimo, fino a 2 metri, meno ingombrante per trovare posto anche negli appartamenti e soprattutto più facile da ricollocare in un balcone o in un terrazzo finite le feste. 

L’abete naturale, a differenza di abeti di plastica e fatti con altri materiali, non inquina, non arriva dall’estero e non deve quindi percorrere migliaia di chilometri per giungere a destinazione e sostiene un settore importante che ha una funzione di manutenzione del territorio montano fondamentale. –  ha spiegato Tulio Marcelli presidente Coldiretti Toscana – L’albero naturale concilia perfettamente il rispetto della tradizione con quello dell’ambiente e del nostro territorio”.

La scelta che porta sempre più consumatori ad acquistare abeti di plastica è principalmente un fattore economico. Costano di meno. Il consumatore non tiene però conto del fattore ambientale: mediamente per ogni albero di plastica del peso di 10 chili prodottovengono immessi in atmosfera 30 chilogrammi di CO2. A quell’albero serviranno fino a 200 anni prima di degradarsi nell’ambiente. Discorso ben diverso per gli abeti naturali che invece hanno anche un ruolo di salvaguardia del nostro ecosistema e della nostra salute. Ogni albero di Natale vero assorbe 47 grammi di CO2. Un ettaro di alberelli produce, dati alla mano, qualcosa come ossigeno per 45 persone. 

“Gli alberi naturali – ha spiegato Marcelli - sono coltivati soprattutto in terreni marginali altrimenti destinati all'abbandono e contribuiscono a migliorare l'assetto idrogeologico delle colline ed a combattere l'erosione e gli incendi. E’ un comparto di cui sentiamo parlare solo in occasione delle festività ma la cui funzione è importante lungo tutto l’anno”. 

Coldiretti consiglia di assicurarsi sempre che l’abete naturale sia accompagnato da una carta d’identità che ne attesti l'indicazione dell'azienda di produzione e l'iscrizione al registro fitosanitario. “In questo modo – ha concluso Marcelli – sarete sicuri di acquistare un abete vero italiano”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno