Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE21°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella: «Il vaccino è un dovere morale e civico»

Attualità lunedì 17 ottobre 2016 ore 16:35

La toponomastica italiana si piega al tedesco

Alessandro Urzì

Allarme del consigliere regionale trentino Urzì sulla trattativa in corso tra Governo e autonomisti altoatesini a Bolzano: "E' un problema nazionale"



FIRENZE — La tutela della lingua italiana non è solo un problema all'estero, ma anche all'interno dei confini nazionali. A denunciarlo è il consigliere della Regione Autonoma Trentino Alto Adige Alessandro Urzì che, in occasione degli Stati Generali della Lingua Italiana a Firenze, ha lanciato l'allarme sulla trattativa in corso tra Governo e autonomisti altoatesini per discutere la rimozione dei nomi in italiano dai segnali stradali della Provincia autonoma di Bolzano. Si parla del 60 per cento dei nomi che, dunque, potrebbero rimanere solo in tedesco. 

"In Alto Adige viene messa fuori legge la lingua italiana - ha detto Urzì - questo influenzerà il legame identitario della comunità italiana che risiede in Alto Adige ma è anche una questione di interesse nazionale perchè si nega a qualsiasi italiano di venire in una parte del territorio nazionale e di trovare la lingua italiana. E' un atto di violenza che non possiamo accettare". 

"Noi - ha poi aggiunto Urzì - ci appelliamo al governo a cui chiediamo una presa di posizione chiara per ripristinare un uso paritario di italiano e tedesco". 

Il consigliere è arrivato a Firenze per presentare la proposta di legge sulla tutela della lingua italiana insieme al leader di Azione Nazionale Gianni Alemanno e al deputato di Forza Italia Fabrizio Di Stefano.

ALESSANDRO URZI' SU STOP LINGUA ITALIANA DALL'ALTO ADIGE
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cluster è scoppiato nel Chianti dopo i festeggiamenti di un matrimonio. Decine di persone in quarantena. A renderlo noto il sindaco Baroncelli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità