Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Attualità lunedì 10 aprile 2023 ore 18:40

Dall'intelligenza artificiale Tac con meno radiazioni

tac

Tramite particolari algoritmi, ricercatori toscani hanno strutturato un modello per ottimizzare i processi di analisi con benefici per i pazienti



FIRENZE — Ottimizzare la Tac tramite un modello per l’analisi automatizzata delle immagini mediante algoritmi di intelligenza artificiale per perfezionare i livelli di radiazioni da somministrare ai pazienti: è il risultato di una ricerca che parla toscano, pubblicata sul Journal of Medical Imaging (JMI). 

Il risultato è frutto della collaborazione tra Cnr-Iccom, Università di Firenze, Aou Careggi, Azienda Usl Toscana centro, Istituto Superiore di Sanità, Fondazione Bruno Kessler e Uniser Pistoia con un gruppo di ricercatori tra fisici, medici e radiologi guidato dalla dottoressa Sandra Doria dell’Istituto di chimica dei composti organo metallici del Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze (Cnr-Iccom).

Il team è riuscito ad automatizzare il processo di valutazione della qualità d’immagine negli esami di tomografia computerizzata (Tc) utilizzando l’intelligenza artificiale, allo scopo di ridurre le radiazioni al paziente. Sì perché è l'analisi manuale delle immagini a richiedere tempo, e la loro qualità è direttamente proporzionale alla quantità di radiazioni a raggi X a cui un paziente deve essere sottoposto per lo scopo. 

E qui sono entrati in campo gli scienziati: “Il nostro gruppo ha creato un algoritmo, analizzando i dati generati dall’esame visivo che diversi medici radiologi hanno effettuato su immagini Tc di un fantoccio". Poi: "Sono stati sviluppati due modelli di intelligenza artificiale che sono stati addestrati e testati attraverso l’utilizzo delle immagini e delle risposte dei medici raccolte precedentemente”, spiega Doria.

I modelli potrebbero rappresentare una strategia di valutazione automatica della qualità di un’immagine Tc, il che consentirà di ottimizzare il dosaggio delle radiazioni ai pazienti: "I nostri modelli possono identificare con accuratezza un oggetto inserito nel fantoccio, come sarebbe in grado di fare un medico radiologo". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno