Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:07 METEO:FIRENZE10°12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 26 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la disperazione degli abitanti di Casamicciola: «Qui è un macello...»

Attualità giovedì 01 aprile 2021 ore 17:30

Quando vedremo gli effetti dei vaccini in Toscana

Dall'analisi dell'andamento della campagna vaccinale più virtuosa, quella in Israele, in Toscana la data della svolta potrebbe essere il 25 Aprile



FIRENZE — Israele è la nazione più virtuosa nel mondo per quanto riguarda la campagna vaccinale anti-covid. Qui il lockdown è terminato a fine Gennaio e da inizio Marzo sono stati riaperti teatri, musei, cinema che sono frequentabili da chi ha la green card, disponibile per chi ha fatto due dosi di vaccino o per chi è guarito dal Covid. 

Israele ha poco più di nove milioni di abitanti (la Toscana 3 milioni e 700mila) e le dosi di vaccini anti-covid somministrate sono in totale più di 10 milioni. In Israele si somministra il vaccino Pfizer, venduto allo stato israeliano in quantità consistenti, anche perché lì è stata fatta una sperimentazione del siero sulla popolazione. Al 31 Marzo i vaccinati con doppia dose erano oltre 4 milioni e 700mila persone, cioè oltre il 50% della popolazione. La media di vaccinazioni giornaliere in Israele è 70mila, lo stesso dato, in proporzione, raggiunto ieri dalla Toscana (28mila dosi somministrate). 

Analizzando i numeri delle dosi somministrate nella popolazione israeliana e l'andamento del contagio possiamo fare dei paragoni con la Toscana e capire meglio quando in Israele i vaccini hanno iniziato a fare effetto contro la malattia Covid-19. 

Il picco di contagi e morti in Israele è stato raggiunto il 20 Gennaio, quando i casi sono stati oltre 10mila e i decessi più di 90. In quel periodo era in vigore il lockdown e nuovi contagi e decessi sono iniziati a scendere.

In Israele al 20 Gennaio erano stati vaccinati con almeno una dose il 26% della popolazione, con due dosi l'8%. Da quel giorno, stante anche il lockdown in vigore, i contagi hanno iniziato a scendere. Possiamo quindi ipotizzare che raggiunta una soglia di vaccinazione tra il 25 e il 30% (prima dose) e intorno al 10% (seconda dose) i vaccini inizino a fare effetto e a limitare la diffusione del coronavirus e gli effetti della malattia Covid-19.

Ieri Israele ha registrato 466 nuovi positivi e 12 deceduti per covid. Sempre ieri la Toscana aveva 1.534 casi e 19 decessi.

A che punto siamo in Toscana e in Italia. In Toscana le prime dosi somministrate a ora sono 470mila, cioè il 12,5% della popolazione residente, la metà di quella soglia indicata sopra del 25-30%. Le seconde dosi somministrate sono 202mila, cioè il 5,38%. In Italia le prime dosi somministrate sono l'11,81%, mentre le seconde dosi somministrate sono il 5,39%. 

Continuando con un ritmo di 28mila somministrazioni giornaliere, forniture di vaccini permettendo, la Toscana potrebbe raggiungere una percentuale di vaccinati prima dose superiore al 25% e seconda dose intorno al 10% tra 25 giorni, il 25 Aprile, festa della Liberazione e data in cui potrebbero iniziare a vedersi concretamente gli effetti della vaccinazione di massa.

Il Governo ha deciso che in Italia per il mese di Aprile non sono previste zone gialle, secondo le ultime disposizioni del Governo, ma solo rosse o arancioni: restrizioni simili al lockdown che possono favorire, insieme all'impatto dei vaccini, una riduzione dei contagi. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno