Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:05 METEO:FIRENZE13°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Attualità giovedì 03 dicembre 2015 ore 14:12

Regione e governo tasseranno Airbnb

Servizio di Tommaso Tafi

Il ministro Dario Franceschini dagli stand della Bto: "Troveremo un modo ragionevole per farlo". E l'assessore regionale pensa al credito d'imposta



FIRENZE — Deregulation, addio. Regione e governo sono pronti a mettere mano alle normative nazionali e non solo, per provare a mettere alcuni paletti ai player internazionali che si occupano di sharing economy. Airbnb in testa. 

Due le linee di intervento: una a livello nazionale e una a livello locale. Il ministro Dario Franceschini, dal canto suo, si è detto pronto a studiare una tassa ad hoc su chi affitta gli alloggi attraverso Airbnb. Imposta i cui proventi secondo il ministro dovrebbero poi essere reinvestiti sempre nel turismo.

"Troveremo il modo ragionevole di farlo - ha spiegato Franceschini al termine della visita alla Bto a Firenze-. Forme di ospitalità diverse devono avere parità di trattamento. E credo ci sia interesse di questi settori avere un sistema di regole. Certo, per evadere ci vuole una norma: se una norma non c'è non si evade".

Tradotto: al momento Airbnb non sta commettendo alcun illecito. Su questa stessa falsa riga si sta muovendo la l'assessorato regionale guidato da Stefano Ciuoffo che nei giorni scorsi ha iniziato a mettere mano alla riforma della legge sul turismo. Un percorso che si vorrebbe chiudere entro fine marzo 2016. L'idea è quella di far pagare ad Airbnb le tasse di soggiorno comunali, probabilmente attraverso il sistema del credito d'imposta.

Un punto quest'ultimo su cui è intervenuto lo stesso Franceschini. "Stiamo lavorando ad un tavolo con Regioni e Comuni per rivedere il tema della tassa di soggiorno - ha detto -: vogliamo farlo in maniera convinta, in modo che ci sia un aumento della platea dei comuni che possono applicarla, non più soltanto quelli nell'elenco dei comuni turistici".

Franceschini ha anche auspicato che si superi il sistema delle stelle degli hotel, su cui viene calcolata l'imposta di soggiorno, visto che si tratta di un modello superato.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno