Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:35 METEO:FIRENZE20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 26 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La rapina da Yamamay: una commessa a terra ferita, l'altra affronta il bandito

Attualità giovedì 26 settembre 2019 ore 13:00

Tassa dei rifiuti sempre più cara in Toscana

Secondo Confcommercio le categorie più tassate sono ortofrutta, pescherie, pizzerie. A Firenze, Pisa, Pistoia, Carrara e Siena la Tari è più cara



FIRENZE — La tassa sui rifiuti è sempre più cara anche in Toscana sia per le famiglie che per le imprese. A riverlarlo l’ultimo studio dell’Osservatorio Tasse Locali di Confcommercio, che vede la Toscana al quinto posto nella classifica della Tari più salata, con 240,7 euro di media pro capite, dietro a Lazio, Sardegna, Campania e Umbria, dove la media pro capite è compresa fra 261,6 euro e 240,8 (anno 2018).

“La TARI continua a rappresentare per le imprese un peso insostenibile e spesso ingiustificato, vista la notevole riduzione nella produzione dei rifiuti degli ultimi anni”, commenta la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini, “quello che fa più rabbia è dover assorbire costi alti dovuti alle inefficienze di gestione dei Comuni, per non parlare delle disparità di trattamento di una stessa tipologia di impresa da territorio a territorio”.

Succede infatti, tanto per fare un esempio, che un bar paghi per i rifiuti 23,08 al metro quadrato a Pistoia, mentre se si trasferisse ad Arezzo ne pagherebbe solo 9,57.

In generale, Firenze, Pistoia, Pisa, Carrara e Siena risultano essere tra le province più care; Arezzo la più virtuosa, visto che riesce più delle altre a contenere la tassa sui rifiuti.

Tra le categorie merceologiche più tassate in Toscana ci sono ortofrutta, pescherie, piante e fiori e pizzerie al taglio, che pagano fino ad oltre 35 euro al mq, con il solito divario da zona a zona (dalle 35 di Pistoia alle 11 circa di Prato). 

Seguono ristoranti, pizzerie e simili, alle quali sono applicate tariffe fino ad un massimo di oltre 32 euro al mq, poi bar e pasticcerie (fino a 23 euro al mq), supermercati, alimentari e macellerie (fino a 19,48 euro al mq) e di seguito, a scalare, tutte le altre tipologie di imprese del terziario.

“La situazione fotografata richiede risposte urgenti per avviare una profonda revisione dell’intero sistema che rispetti il principio europeo ‘chi inquina paga’ e tenga conto delle specificità di determinate attività economiche delle imprese del terziario al fine di prevedere esenzioni o agevolazioni per le aree che di fatto non producono alcun rifiuto e sulle quali invece continua ad essere calcolata integralmente la tassa”, sottolinea il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità