Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 28 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Migranti: 10 anni di errori, ipocrisie, propaganda e il falso problema delle Ong

Attualità martedì 25 ottobre 2016 ore 17:22

Firmato l'accordo anticaporalato

Servizio di Anna Dainelli

Il protocollo d'intesa promosso dalla Regione contrasta lo sfruttamento della manodopera. Niente risorse alle aziende che non rispettano le regole



FIRENZE — Si erano impegnati a farla e alla fine è arrivata la firma del protocollo d'intesa contro il caporalato e il lavoro nero promosso dalla Regione. Il documento, che punta a delle terre coltivate nel rispetto dei diritti dei lavoratori e aziende affidabili che utilizzino manodopera legale, è stato siglato a Palazzo Strozzi Sacrati dal presidente Enrico Rossi, dagli assessori regionali Cristina Grieco e Marco Remaschi e da Inps, Ministero del lavoro, Inail, Cgil, Cisl, Uil, Coldiretti, Confederazione italiana agricoltori, Confagricoltura e Alleanza delle cooperative toscane.

Fra i punti chiave del protocollo, uno è quello che le aziende agricole che non rispettano i diritti fondamentali dei lavoratori non potranno accedere o mantenere i finanziamenti europei.

"Il caporalato e lo sfruttamento devono essere combattuti con forza e rigore – spiega il presidente della Regione Enrico Rossi – ed è per questo che ci siamo attivati, già da prima dell'entrata in vigore delle norme nazionali. In Toscana con queste cose non si scherza: siamo la prima regione a realizzare un'intesa che coinvolge tutti i soggetti. E ora siamo in grado di estendere questo risultato anche ad altri settori. Abbiamo deciso oggi in giunta di subordinare le liquidazioni dei fondi richiesti a una verifica delle pendenze giudiziarie da parte delle Procure. Sospenderemo i contributi non solo ai beneficiari del FEASR e del PSR, i fondi agricoli, in caso di reati in materia di sfruttamento del lavoro minorile, nero e sommerso. Ho anche presentato la richiesta a Bruxelles di inserire questa condizionalità nei regolamenti europei".

Situazioni di sfruttamento e irregolarità che, quindi, non appartengono solo nel Meridione ma le cronache degli anni scorsi hanno dimostrato esser presenti anche in Toscana.

"Grazie all’impegno dei lavoratori, del sindacato, delle istituzioni e degli altri soggetti - ha commentato Damiano Marrano della Flai Cgil Toscana - oggi stabiliamo l’arrivo di uno strumento in più per combattere una delle vergogne del nostro Paese e della nostra regione. Tutto ciò arriva dopo che a livello nazionale è giunta sulla questione una legge importante, alla quale abbiamo collaborato attivamente e che abbiamo salutato con soddisfazione. Ora arriva la parte fondamentale: usare questi nuovi strumenti, monitorare, controllare e tenere gli occhi aperti per contrastare prima possibile fenomeni vecchi e nuovi di caporalato”.

Basilare poi è il ruolo dato dal protocollo ai centri per l'impiego che hanno già iniziato a stilare degli elenchi di lavoratori e di aziende in regola.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vittima è un uomo di 47 anni che aveva appena terminato di giocare una partita di calcetto. Vani i soccorsi. Lascia tre figli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità