Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:FIRENZE23°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«L'Economia», come funziona la nuova app del Corriere: l’assistente virtuale e oltre 30 mila contenuti
«L'Economia», come funziona la nuova app del Corriere: l’assistente virtuale e oltre 30 mila contenuti

Monitor Consiglio martedì 23 aprile 2024 ore 14:03 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

"Siamo vicini ai lavoratori del marmo"

Vincenzo Ceccarelli
Vincenzo Ceccarelli

Iniziativa del Gruppo Pd per chiedere al Parlamento di riprendere la Pdl proposta nella passata legislatura e riportare al patrimonio pubblico anche le cave oggi considerate private



FIRENZE — "Domani sarò a Carrara, assieme ad altri consiglieri del nostro gruppo, per partecipare all’iniziativa indetta dai sindacati, per testimoniare la sorpresa e lo sdegno per le parole pronunciate da uno degli industriali del marmo carrarese, su temi prioritari quali sono quelli del lavoro e in particolare della sicurezza".

Con queste parole, il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Vincenzo Ceccarelli annuncia l’adesione del Gruppo all’iniziativa di protesta indetta dai sindacati, dopo le vicende che hanno seguito la messa in onda dell’inchiesta di Report sulla questione dell’estrazione del marmo nel distretto delle Apuane.

“Nella precedente legislatura - prosegue Ceccarelli - da assessore mi sono impegnato in prima persona per affrontare con una legge un tema delicato e strategico per il territorio che da secoli trae sviluppo dalla estrazione del marmo, pagando però un prezzo alto in termini di vite umane ed ambientali". 

"Con la legge 35 del 2015 abbiamo riordinato la materia a livello regionale, con una attenzione particolare all’area apuana e abbiamo dato compiutezza al lavoro avviato dalla Regione per garantire che fosse tutelata al meglio la sicurezza nei luoghi di lavoro - prosegue il capogruppo dem - Ascoltare le parole pronunciate da uno degli imprenditori che da questo settore traggono utili impensabili in tutti gli altri settori dell’economia regionale e la leggerezza con cui si affronta un tema che è prioritario per migliaia di lavoratori, lascia sorpresi e allibiti". 

"Voglio cogliere l’occasione per confermare la massima attenzione e la volontà del gruppo Pd di proseguire nell’impegno per garantire al settore marmifero uno sviluppo che sia prima di tutto compatibile con la sicurezza dei lavoratori e con la tutela dell’ambiente - conclude Ceccarelli - Siamo anche convinti che tutte le cave debbano essere considerate patrimonio pubblico e in questo senso, sarà promosso un atto per chiedere al Parlamento di riprendere la proposta di legge da noi avanzata nella passata legislatura per regolare la questione che attiene ai cosiddetti beni estimati, dopo che la Corte costituzionale con la sentenza 20 settembre 2016, n. 228, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del comma 2 dell'articolo 32 della nostra legge regionale, poiché l’individuazione della natura pubblica o privata dei beni appartiene all’“ordinamento civile” ovvero alla competenza statale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno