Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavrov all'Onu: «L'Occidente vuole smembrare e cancellare la Russia»

Attualità giovedì 27 agosto 2020 ore 09:33

Covid, rientro con il rebus della pausa pranzo

Distanziamento e lavoro agile mettono alla prova il comparto della somministrazione di alimenti e bevande che cerca soluzioni per la ripartenza



FIRENZE — I tanti dubbi rimandati a Settembre si presentano adesso sui banconi di bar, gastronomie, punti ristoro e ristoranti. Cosa accadrà in pausa pranzo?

Mentre si pensa alle mense scolastiche ed aziendali con la somministrazione dei pasti in sicurezza attraverso monoporzioni, o piatti tripartiti, questa la soluzione adottata ad esempio per le scuole di Scandicci, è ancora un rebus la consueta pausa pranzo degli impiegati pubblici e privati. A Firenze gli esercenti si interrogano e qualcuno conta già i coperti ridotti drasticamente rispetto al passato.

Tanti imprenditori hanno investito nella propria attività creando un "punto ristoro" all'interno di bar, panifici, alimentari e gastronomie per fornire una pausa pranzo ai propri clienti abituali impiegati in aziende ed uffici. Nel periodo del lockdown, o confinamento, hanno adottato la soluzione take away, per la vendita da asporto ma adesso con l'ipotesi della chiusura prolungata degli uffici il problema si complica. La previsione tende verso un massiccio ricorso allo street food, almeno per chi si troverà fuori dalle pareti di casa.

Ci sono aziende che hanno già confermato il lavoro agile fino a dicembre, uno smart working prolungato per evitare complicazioni dovute ad uno screening continuo con il rischio di fermare tutto per un solo caso positivo che metterebbe in quarantena l'intero ufficio. 

Tra le soluzioni proposte nelle ultime settimane ci sono la pausa pranzo da asporto da consumare sulla panchina di una piazza o di un parco pubblico ma anche la tradizionale schiscetta o gavetta, il contenitore per il cibo preparato a casa da consumare in ufficio all'interno di una stanza sanificata e dedicata al pranzo di lavoro. Ci sono aziende che adotteranno App in grado di scaglionare le presenze in sala mensa con porzionamenti singoli e distanziati. Al posto dei piatti caldi potrebbero esserci monoporzioni precotte da scaldare al microonde.

Ma quanti sceglieranno il punto ristoro degli esercizi pubblici? Il settore della ristorazione è chiamato all'ennesima prova di sopravvivenza tenuto conto degli usi e consuetudini oramai stravolti dall'epidemia di Covid-19.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto sul posto nonostante i tentativi di rianimazione il ragazzo di 26 anni alla guida dell'auto coinvolta nel drammatico incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca