Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 22 febbraio 2020

Attualità martedì 10 settembre 2019 ore 12:01

Meyer, nuovo look tecnologico per subintensiva

Riapre dopo un restyling cromatico e tecnologico il reparto ospedaliero destinato ai piccoli pazienti che necessitano una più alta intensità di cure



FIRENZE — Dopo un’estate di lavori la Subintensiva del Meyer diventa più funzionale e accogliente e al tempo stesso migliora la sua dotazione tecnologica. "Tutto è pensato per rendere il meno traumatico possibile il periodo di ricovero, favorendo esperienze sensoriali dal valore terapeutico" ha spiegato la direzione.

All’ingresso, un grande sottomarino disegnato sulla porta introduce i bambini in un mondo magico e colorato, con vedute ispirate all’ambiente subacqueo. Attraverso delle decorazioni a forma di oblò, è possibile ammirare il fondo del mare, con i suoi abitanti: cavallucci marini, pesci rossi, coralli e delfini. A completare il quadro, una grande balena raffigurata sul pavimento. Un impianto di filodiffusione permetterà inoltre ai piccoli pazienti di ascoltare la musica e sopra ogni letto saranno posizionate piccole luci, con la possibilità di scegliere il colore preferito.

La dotazione tecnologica rappresenta il cuore di questo reparto, che si caratterizza come intermedio tra la terapia intensiva e la degenza ordinaria. In un modello organizzativo per intensità di cura “patient-focused”, che ha al centro i fabbisogni clinici e assistenziali dei nostri piccoli pazienti, questo reparto è in grado di garantire e adeguare in modo flessibile l’intensità di trattamento e di monitoraggio. In questi letti trovano posto i bambini in condizioni di instabilità, che necessitano di un’osservazione costante e un monitoraggio continuo dei parametri vitali. Ogni postazione è dotata di un monitoraggio dei parametri vitali, computer medicale, pompe infusionali e altre apparecchiature, come i ventilatori polmonari, che permettono di adeguare immediatamente la tecnologia alle esigenze assistenziali dei bambini ricoverati. Anche il rapporto numerico tra pazienti e operatori è pensato per rispondere adeguatamente ai bisogni clinico-assistenziali dei piccoli degenti.

Un nuova centralina di monitoraggio permette di centralizzare la visualizzazione dei parametri vitali e del sistema di allarme, consentendo agli operatori un costante controllo delle condizioni del paziente anche dalla postazione di lavoro e un rapido intervento.



Tag

Coronavirus, come è cominciato il contagio a Lodi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità