Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 08 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Attualità martedì 13 ottobre 2020 ore 13:00

Nuove misure antimafia per Università e Uffizi

javascript:void(0)

Per contrastare le infiltrazioni negli appalti pubblici Università di Firenze e Gallerie degli Uffizi hanno sottoscritto nuove misure di controllo



FIRENZE — Due nuovi protocolli di legalità sono stati siglati alla prefettura di Firenze al fine di prevenire i tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata ed i fenomeni corruttivi nell’affidamento degli appalti dell'Università di Firenze e delle Gallerie degli Uffizi. Il prefetto Laura Lega ha firmato gli atti a Palazzo Medici Riccardi, con il rettore Luigi Dei e il direttore Eike Schmidt, alla presenza del questore Filippo Santarelli, del comandante provinciale dei carabinieri Antonio Petti e del comandante provinciale della Guardia di Finanza Fabrizio Nieddu,

I protocolli alzano il livello dei controlli per rendere più incisive le verifiche e rafforzare i presidi a tutela della trasparenza, garantendo, nel contempo, una rapida e corretta esecuzione e gestione degli appalti.

I protocolli riducono la soglia comunitaria di applicazione dei controlli per opere e lavori pubblici da circa 5,5 a 3 milioni di euro; prevedono l’inserimento nei contratti di appalto di specifiche clausole volte a prevenire interferenze illecite sia a scopo corruttivo che a scopo antimafia; dispongono misure di prevenzione contro i tentativi di condizionamento criminale dei cantieri prevedendo per ciascun appalto la nomina di un “referente di cantiere”, con il compito di redigere e tenere costantemente aggiornato un “rapporto di cantiere”; configurano l’inserimento nei contratti di ulteriori clausole per tracciare le forniture, nonché per mettere a disposizione molteplici dati relativi alla forza lavoro impiegata; sanciscono sanzioni per l’inosservanza da parte dell’appaltatore degli obblighi statuiti, determinate e applicate dai soggetti appaltanti.

Presso la prefettura verrà monitorata periodicamente l’attuazione dei protocolli. “E’ di assoluta importanza - ha sottolineato il prefetto - che, soprattutto in questa particolare contingenza storica, sia mantenuta alta l’attenzione verso i rischi di infiltrazione della criminalità in tutte le attività economiche, per intercettare preventivamente ogni possibile illegalità”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità