Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:24 METEO:FIRENZE23°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 27 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Biles: «Nessun infortunio, giusto dare la priorità al benessere mentale»

Attualità giovedì 06 agosto 2015 ore 13:30

Inceneritore, la protesta ferma la riunione

Protesta per la terza Conferenza dei servizi che dovrà approvare l'inceneritore. Sì Toscana a sinistra e M5s chiedono di assistere ma li viene negato



FIRENZE — Enti riuniti in via Mercadante a Firenze per concedere le ultime autorizzazioni necessari alla costruzione del termovalorizzatore che sorgerà alle porte di Sesto Fiorentino. Dalla Regione alla Città metropolitana, dai Comuni di Sesto e Firenze all'Arpat.

Ed è contro le istituzioni che si sono scagliate le Mamme No Inceneritore, che hanno guidato la protesta di alcuni comitati della piana. Una protesta rumorosa, un vero e proprio "cacerolazo", per disturbare i tecnici riuniti per prendere le ultime decisioni sull'impianto.

E al grido "Senza la gente non si decide niente!!"  e la richiesta dei manifestanti è quella di interrompere e sospendere la conferenza dei servizi e l'avvio di un percorso partecipativo che coinvolga anche la cittadinanza nella decisione di realizzare l'impianto.

Alcuni consiglieri regionali di Sì Toscana a sinistra e M5s hanno aperto un contenzioso chiedendo di poter assistere alla seduta che si tiene a porte chiuse. Come spiegato dal capogruppo sì Sì Toscana a sinistra Tommaso Fattori "la seduta non è ancora iniziata. Insieme ad alcuni consiglieri regionali M5s abbiamo chiesto, statuto della Regione alla mano, di poter assistere alla conferenza come uditori. Ci stanno dicendo che non è possibile e ne è nato un contenzioso sull'intera redazione della norma". Fattori ha sottolineato che "chiediamo che la conferenza venga sospesa e che si apra un percorso partecipativo che possa valutare le tante alternative all'incenerimento. In Toscana purtroppo governa il partito del no, è in particolare del no alla modernizzazione e ai nuovi metodi per lo smaltimento dei rifiuti alternativi ai termovalorizzatori".

Presente anche Rossano Ercolini, nobel 2013 per l'ambiente e direttore del Centro di ricerca Zero Waste di Capannori, che ha sottolineato che la richiesta è anche quella di incentivare le dette buone pratiche.

"La strategia rifiuti zero - ha detto ripete Ercolini - consente un risparmio in termini di spesa pro capite e un incremento di posti di lavoro 10 volte superiore alla costruzione di un inceneritore".

ROSSANO ERCOLINI SU PROTESTA NO INCENERITORE - dichiarazione
FIAMMETTA BATTAGLIA SU PROTESTA NO INCENERITORE - dichiarazione
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco i nuovi casi di Covid e l'incidenza di tutti i Comuni toscani registrati nell'ultima settimana. Oggi 361 nuovi casi di infezione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità