Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:25 METEO:FIRENZE10°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Giovani e cervelli in fuga: 4,5 miliardi all’anno per istruirli. E poi regaliamo i benefici all’estero

Lavoro martedì 17 ottobre 2023 ore 12:59

Chiude l'azienda di spazzatrici, 82 lavoratori a rischio

L'azienda produce macchine spazzatrici industriali e lavapavimenti

La direzione ha comunicato ai sindacati di voler trasferire la produzione fuori dalla Toscana nel giro di un anno. Doccia fredda per i dipendenti



FIRENZUOLA — Doccia fredda per gli 82 dipedenti della Ing. O. Fiorentini di Firenzuola, in Mugello: la direzione ha comunicato alle rappresentanze sindacali di Firenze e di Bologna la volontà di trasferire la produzione fuori dalla Toscana verso i capannoni di Castel San Pietro Terme, nel Bolognese, nel giro di un anno. A darne notizia è Cgil Firenze in una nota.

"La Fiorentini, storica azienda di Piancaldoli che dal 1978 produce macchine spazzatrici industriali e lavapavimenti in provincia di Firenze - si spiega - conta 82 dipendenti che hanno appreso la notizia come una doccia gelida. A Luglio scorso l’azienda aveva fatto ricorso alla cassa integrazione per un momentaneo calo di ordini. In quell’occasione Fiom e Rsu erano state rassicurate sul ruolo centrale e indispensabile dello stabilimento piancaldolese". 

Non è andata così, e l'organizzazione sindacale parla di "decisione incomprensibile che andrebbe a mortificare ancor di più un territorio già colpito dalle alluvioni di Maggio".

Ieri si è svolta l’assemblea sindacale in un clima di incredulità, rabbia e di senso di abbandono da parte della proprietà: "Dopo anni di dedizione, i lavoratori si trovano a vedersi sfilare da sotto i piedi uno stabilimento che qui produce e qui ha le sue radici da oltre 30 anni, proprio mentre in molti sono impegnati a far fronte alle difficoltà create dalle alluvioni", afferma Cgil.

Per questo, al termine dell’assemblea, i lavoratori hanno votato per attivare lo stato di mobilitazione. Fiom Cgil di Firenze ed Rsu hanno chiesto un incontro alle istituzioni locali e indetto uno sciopero con presidio ai cancelli già per domani mattina.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno