Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE12°18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Lavoro mercoledì 03 ottobre 2018 ore 09:40

Firmato l'accordo per salvare la Bekaert

L'incontro al Mise iniziato ieri si è concluso nella notte con un'intesa sulla reindustrializzazione del sito e l'attivazione degli ammortizzatori sociali



ROMA — Finalmente una notizia positiva per la vertenza Bekaert. Dopo un riunione-fiume iniziata ieri pomeriggio nella sede del Ministero per lo sviluppo economico e terminata nella notte, la multinazionale belga, i sindacati e le istituzioni hanno trovato un accordo per dare un futuro allo storico stabilimento di Figline Valdarno. La chiusura della fabbrica è stata scongiurata.

In una nota firmata dall'amministratore delegato della Bekaert in Italia Roberto Secchi si legge che il piano "prevede una pluralità di strumenti, incentivi e attività finalizzati alla reindustrializzazione del sito e al ricollocamento dei lavoratori e vede la partecipazione attiva, nel rispetto delle reciproche competenze, di tutti i soggetti coinvolti".

Per quanto riguarda la reindustrializzazione del sito, l'accordo prevede che tutte le parti in causa collaborino alla ricerca e alla selezione di "soggetti aziendali che possano subentrare a condizioni incentivate negli impianti dismessi, con un piano industriale solido, tempistiche accettabili e assorbendo il personale o parte di esso". 

Dal canto suo il ministero guidato da Luigi Di Maio "si è impegnato a coinvolgere partner istituzionali ad hoc per sostenere il progetto dell'eventuale investitore e per promuovere sinergie" insieme alla Regione Toscana, alla Città Metropolitana Firenze e al Comune di Figline e Incisa Valdarno.

Sul fronte ammortizzatori sociali, lo stabilimento di Figline resterà in produzione fino a dicembre. Poi, dal primo gennaio 2019, saranno attivati per dodici mesi i nuovi strumenti introdotti dal governo per i casi di cessazione, con sospensione dell'attività lavorativa a zero ore. Altri incentivi sono previsti per i dipendenti che sceglieranno l'esodo volontario.

L'intesa prevede anche di favorire il ricollocamento dei lavoratori attraverso un programma di continuità occupazionale con la ricerca, nel territorio di Figline o nei Comuni vicini, di aziende interessate "ad assumere a condizioni incentivate" e tramite percorsi di riqualificazione professionale, tenendo in considerazione anche la possibilità di ricollocare personale anche presso altre società del Gruppo Bekaert, in Italia e all'estero. 

L'accordo siglato stanotte adesso dovrà essere ratificato anche dall'assemblea dei lavoratori Bekaert.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tre gravi incidenti in poche ore si sono verificati nella giornata di oggi, due nell'Aretino e uno nel Senese. Sono tutti e tre ricoverati in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità