Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:FIRENZE13°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni: «Premierato? O la va o la spacca. Non sto qui a scaldare la sedia»

Attualità giovedì 05 gennaio 2017 ore 12:34

​Operai licenziati inventano l'Amaro Partigiano

L'idea nasce dall'unione di un circolo Arci che gestisce un museo dedicato alla Resistenza e la fabbrica del Milanese recuperata dagli operai



FOSDINOVO — Erano stati licenziati e lasciati casa così hanno deciso di creare un proprio liquore nella fabbrica abbandonata, occupata e riaperta alla produzione puntando sul mercato equo-solidale.

Sono questi gli ''ingredienti'' per il progetto alternativo dell'Amaro Partigiano, che ha ottenuto anche la benedizione del partigiano e presidente Anpi Massa Carrara, Giorgio Mori

L'Amaro Partigiano sarà realizzato rigorosamente con ingredienti lunigianesi, seguendo una ricetta messa a punto grazie alla consulenza di un antico laboratorio artigiano della zona. 

Ma verrà prodotto da Rimaflow, a Trezzano sul Naviglo, in una fabbrica impegnata nella costruzione di una rete per un mercato equo, libero e solidale. 

L'idea dell'Amaro Partigiano - lo riferisce oggi il Tirreno - è dell'Arci Archivi della Resistenza a Fosdinovo. I proventi delle vendite saranno destinati al suo Museo Audiovisivo e ai progetti ''sociali'' di Rimaflow. Ma per produrre il liquore servono attrezzature e macchinari: da qui il lancio di un crowfunding che partirà a breve. Che gusto avrà l'Amaro Partigiano? 

"Il gusto - spiega Alessio Giannanti, di Archivi della Resistenza - è il risultato di un''accurata selezione di nove ingredienti ispirati alla vita nei boschi della Lunigiana durante la Resistenza".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno