Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 01 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, la comunità marocchina festeggia in strada dopo la vittoria ai Mondiali

Cronaca mercoledì 15 agosto 2018 ore 19:00

Crollo del ponte Morandi, i morti sono almeno 39

Nel drammatico crollo del viadotto ci sono anche tre vittime toscane: un fiorentino di 32 anni e una coppia di giovani aretini



GENOVA — Le operazioni di soccorso e ricerca sono ancora in essere. I morti accertati, ha fatto sapere la prefettura di Genova, risultano 39. Incerto il numero dei dispersi.

Il crollo di duecento metri del ponte Morandi è avvenuto ieri alle 11,36. Nell'incidente sono rimasti coinvolti tre camion e una 35ina di auto.

Dalle abitazioni sottostanti al viadotto sono state sfollate oltre 600 persone. Per questa tragedia il governo proclamerà il lutto nazionale.

Intanto i soccorritori, tra cui mille della Protezione civile e più di trecento vigili del fuoco, sono a lavoro anche per mettere in sicurezza l'area.

Nell'incidente hanno perso la vita tre toscani: Alberto Fanfani, 32enne fiorentino che viveva a Pisa (viaggiava con Marta Danisi, fidanzata di Fanfani di origini siciliane, residente a Pisa) e la coppia aretina composta da Stella Boccia Carlos Jesus Trujillo.

In riferimento al crollo del ponte Morandi presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha scritto su fb: "Niente potrà e dovrà essere più come prima. Di fronte all’enormità di ciò che è accaduto a Genova sono inopportune se non imbarazzanti, mentre si estraggono ancora i corpi dalle macerie, le polemiche da parte di chi ha la soluzione pronta per tutto e intende così scaricare le proprie responsabilità o peggio fare campagna elettorale".

"È un diritto degli italiani sapere come sia potuto accadere, soprattutto se era evitabile e se ci sono responsabilità penali da perseguire, perché si è sottovalutato i problemi, per negligenza o peggio per interesse e sete di profitto. Ora la parola deve davvero passare ai tecnici, a chi ha competenze e saprà ricostruire con precisione le cause di quello che è avvenuto, dando in questo modo gli elementi utili per riflettere e per provvedere affinché queste tragedie non si ripetano".

"Gli italiani hanno diritto ad una mobilità sicura e non a rischio della vita - ha concluso Rossi - Il governo italiano prenda pure tempo, mesi non anni, per dare le risposte di cui c’è bisogno. Poi si faccia quello che si deve con correttezza, onestà e tempi certi. Questa volta è messa alla prova la credibilità di un intero Paese, la capacità di avere fiducia in sé stesso e di nutrire speranze per il suo futuro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Crollo ponte Morandi a Genova
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al culmine di un diverbio è spuntata la lama, con uno dei due uomini colpito da fendenti al torace che l'hanno ridotto in fin di vita
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Monitor Consiglio

Attualità