Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:30 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 08 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Blanco distrugge i fiori di Sanremo e il pubblico fischia

Attualità venerdì 09 ottobre 2015 ore 15:36

Impennata di morti per influenza

Servizio di Tommaso Tafi

Lo scorso anno si è vaccinato il 10% in meno della popolazione a rischio rispetto al 2013. E i morti per complicazioni sono passati da uno a ventidue



FIRENZE — Sono due le principali novità introdotte dalla Regione per la campagna di vaccinazioni 2015-2016.

I cittadini che compiono 65 anni, quelli nati cioè nel 1950, potranno vaccinarsi gratuitamente anche contro lo pneumococco, batterio responsabile di numerose infezioni, dalla meningite alla polmonite. Si tratta di una vaccinazione unica, che non ha bisogno di alcun richiamo e che può essere richiesta al proprio medico, piuttosto che alle strutture pubbliche.
La seconda novità riguarda la lotta all'osteoporosi. Agli anziani che si faranno vaccinare verranno consegnate anche 6 fiale di vitamina D3, da assumere una volta ogni due mesi in modo da essere coperti contro questa malattia per tutto l'anno.
Il periodo migliore per vaccinarsi è novembre, visto che il picco influenzale si registra solitamente tra fine dicembre e febbraio e visto che il vaccino ha bisogno di circa 15-20 giorni per essere realmente efficace.
"La vaccinazione antinfluenzale - ha detto l'assessore regionale alla Salute, Stefania Saccardi - rimane il mezzo più efficace e sicuro per prevenire l'influenza e le sue complicanze".
Complicanze che si sono registrate in maniera massiccia lo scorso anno a causa della riduzione del numero di vaccinazioni rispetto all'anno precedente. Nel 2013, infatti, il 60,2% della popolazione a rischio, ovvero anziani e bambini, si era fatta vaccinare e nel corso dell'anno si erano registrati 13 casi di complicazioni da influenza e un decesso.
Nel 2014, l'impennata. La percentuale di vaccinati tra i toscani a rischio è calata al 50,6%, il numero di complicazioni è salito a 61 casi e soprattutto il numero di morti ha toccato quota 22.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno