Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:23 METEO:FIRENZE18°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 25 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, il video del crollo del palazzo di dodici piani

Attualità mercoledì 08 luglio 2020 ore 18:05

Covid, alle imprese toscane 235 milioni a fondo perduto

I contribuenti toscani hanno presentato all'Agenzia delle Entrate 88mila richieste e ne sono state pagate 65mila. Come ottenere il contributo



FIRENZE — Venti giorni dopo l'attivazione del servizio, sono più di 88 mila i contribuenti toscani che hanno presentato richiesta per ottenere il contributo a fondo perduto previsto dal decreto Rilancio del governo per le imprese che hanno subito un calo di fatturato a causa dell'epidemia di Covid. Circa 65mila domande sono state evase e le somme già accreditate dall’Agenzia delle Entrate nei conti correnti di imprese, commercianti e artigiani toscani, per un totale  235,5 milioni di euro di contributo erogato.

In Toscana sono stati 88.228 i soggetti che hanno presentato domanda: 46.169 sono contribuenti persone fisiche, mentre 42.059 società e imprese. 

La maggior parte delle istanze presentate fanno capo alla provincia di Firenze, con 24.285 richieste presentate e un contributo erogato di 67,4 milioni di euro. 

Seguono poi le province di Pisa con 10.852 domande e 31,3 milioni di euro, Lucca con 9.105 istanze e 23 milioni di importo, Arezzo (8.513 e 23,3 milioni), Livorno (7.563 e 15,3 milioni), Prato (7.181 e 17 milioni), Siena (6.135 e 15,4 milioni), Pistoia (5.962 e 20,6 milioni), Grosseto (5.356 e 10,3 milioni) e Massa-Carrara con 4.752 richieste pervenute e 11,8 milioni di contributo erogato.

Cos’è il contributo a fondo perduto

Il decrerto legge Rilancio ha previsto l’erogazione di un contributo a fondo perduto, cioè senza alcun obbligo di restituzione, a favore delle imprese e delle partite Iva colpite dalle conseguenze economiche del lockdown. In particolare, il ristoro spetta ai titolari di partita Iva, esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, comprese le imprese agricola o commerciali, anche se svolte in forma cooperativa, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro e a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019. 

L’ammontare del contributo è pari al 20% del calo del fatturato di aprile se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 euro; al 15% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano i 400.000 euro ma non l’importo di 1.000.000 di euro; al 10% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano 1.000.000 di euro ma non l’importo di 5.000.000 euro. 

Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

La scadenza per presentare le domande

I contribuenti interessati sono ancora in tempo per richiedere il contributo: domanda può essere presentata fino al 24 agosto. Per predisporre e trasmettere l’istanza si può usare un software e il canale telematico Entratel/Fisconline o una specifica procedura web nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi. Il contribuente può anche avvalersi degli intermediari che ha già delegato al suo Cassetto fiscale o al servizio di Consultazione delle fatture elettroniche.

Una guida per la procedura

All’interno dell’area dedicata del sito internet dell’Agenzia, oltre al modello di richiesta per accedere al contributo e alle relative istruzioni, è disponibile anche una guida scaricabile, che spiega passo passo le indicazioni utili per richiedere il contributo, illustrando le condizioni per usufruirne, l’entità, il contenuto dell’istanza, le modalità di predisposizione e di trasmissione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un altro giovane centauro muore sulle strade della Toscana. L'uomo è stato trasportato d'urgenza in ospedale ma è deceduto poco dopo il suo arrivo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità