Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:56 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ministro Guido Crosetto canta Bella Ciao alla serata con Fiorello per il Bambino Gesù

Attualità sabato 22 aprile 2017 ore 17:50

Ancora lontano il rilascio di Del Grande

Manifestazione a Roma per chiedere che Gabriele Del Grande venga liberato. E' detenuto in Turchia da 13 giorni. E' riuscito a chiamare la compagna



ISTANBUL — Resta sempre alta l'attenzione sulle condizioni e la sorte di Gabriele Del Grande, il regista toscano arrestato e detenuto in Turchia dove era andato per raccogliere materiale per un libro sui profughi siriani rifugiati nella provincia sud orientale dell'Hatay. 

Le autorità turche non hanno ancora reso noto il dossier con i motivi del fermo avvenuto il nove aprile e l'unica notizia positiva, per il momento, è che dopo gli incontri di ieri, Del Grande - dopo dodici giorni trascorsi senza vedere nessuno - ha continuato a nutrirsi anche se solo con liquidi. 

Il blogger toscano, che è in isolamento, ieri ha potuto incontrare il console italiano a Izsmir Luigi Iannuzzi e con l'avvocato turco Taner Kilic. Continuano le manifestazioni per il rilascio di gabriele Del Grande, regista di "Io sto con la sposa" presentato a Venezia.

A Roma, davanti al Quirinale, molte le persone che hanno chiesto la liberazione del reporter aderendo all'appello lanciato da alcune organizzazioni come Amnesty, Arci e Usigrai, il sindacato deigiornalisti Rai. 

"Gabriele chiede, come ribadito anche nella telefonata alla compagna Alexandra D'Onofrio, di essere liberato e tornare a casa. Ad oggi - ha detto l'avvocatessa Ballerini - non sono note le ragioni del protrarsi del suo trattenimento né i motivi del ritardo del suo rimpatrio verso l'Italia".

Il documentarista ha rifiutato alimenti da martedì scorso per protestare contro la sua illegale prigionia. Un fenomeno che in Turchia ha colpito migliaia di persone recluse nelle carceri per volere del presidente Tayyip Erdogan in violazione di qualunque diritto dopo il fallito golpe dello scorso luglio che ha decapitato l'intera classe dirigente laica: militari, avvocati, magistrati,docenti, giornalisti. Tutti in cella da mesi e senza contatti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel capannone c'era marijuana per un profitto di un milione l'anno e 88 lampade alimentate con allaccio abusivo. La droga destinata al nord Europa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità