Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:55 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La festa dell’Alcione per la promozione in serie C: è la prima volta in 72 anni

Attualità giovedì 26 ottobre 2023 ore 10:10

Frutta e verdura troppo care, spariscono dal piatto

I prezzi alle stelle tagliano la spesa per ortaggi, arance, fragole. Consumo sotto il livello minimo, bimbi e adolescenti ne mangiano sempre meno



ITALIA — La spesa sempre più costosa si sta ripercuotendo sulle rinunce a tavola ed è una tendenza riguarda anche i toscani. Negli ultimi mesi, in generale, l'aumento dei prezzi ha riguardato un po' tutti gli alimenti in conseguenza a situazioni nazionali ed estere che hanno determinato un significativo caro vita.

In questo panorama emerge anche che un frutto su dieci scompare dalle tavole degli italiani che hanno tagliato gli acquisti (-10%) crollati ai minimi da inizio secolo. È quanto emerge dall’analisi di Coldiretti presentata al tavolo ortofrutticolo convocato dal Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare Francesco Lollobrigida sulla base dei dati Cso Italy relativi al primo semestre dell’anno. Gli italiani, in sostanza, hanno ridotto del 25% le quantità di angurie, del 15% i meloni, del 14% le arance, del 5% le fragole ma il taglio ha riguardato anche gli ortaggi (-6%).

Il brusco calo – sottolinea la Coldiretti – ha fatto scendere il consumo individuale sotto la soglia minima di 400 grammi di frutta e verdure fresche per persona, da mangiare in più volte al giorno, raccomandato dal Consiglio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) per una dieta sana. Un dato ancora più allarmante, siamo intorno ai 250 grammi di consumo medio pro capite se si considera che a consumare meno frutta e verdura sono soprattutto i bambini e gli adolescenti, con quantità che sono addirittura sotto la metà del fabbisogno giornaliero, aumentando così i rischi legati all’obesità e alle malattie ad essa collegate, con una potenziale esplosione della spesa sanitaria.

Le ripercussioni provocate da caro energia ed emergenza climatica hanno colpito duramente i raccolti nazionali con un calo dei raccolti che arrivano al -63% per le pere. Una situazione che mette a rischio il futuro del frutteto Italia, per la Toscana la Valdichiana ne è un polmone importante, che negli ultimi 15 anni ha già perso 100 milioni di alberi, secondo l’analisi Coldiretti. Un patrimonio di 330mila aziende ortofrutticole presenti lungo la Penisola con 15 miliardi di euro di fatturato tra prodotto fresco e trasformato, pari ancora oggi al 25% del valore della produzione agricola nazionale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno