Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE22°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Federica Pellegrini: «Senza Matteo avrei smesso qualche anno fa»

Attualità giovedì 26 luglio 2018 ore 14:09

Le scenografie della Bohème made in Viareggio

Gli autori dei carri del Carnevale di Viareggio hanno realizzato le scenografie del nuovo allestimento di Alfondo Signorini al Festival Puccini



VIAREGGIO — Sono stati i carristi di Viareggio a realizzare le scenografie del nuovo allestimento del Festival Puccini 2018 della Bohème, firmato da Alfonso Signorini. Un lavoro impegnativo e svolto in tempi record dagli artisti del Carnevale Alessandro Avanzini, Franco Malfatti, Edoardo Ceragioli, Gianpiero Ghiselli, coordinati da Fabrizio Galli capofila della commessa.

A loro è stato affidato dalla Fondazione Festival Pucciniano l’incarico di materializzare nelle forme e nei colori le idee di Leila Fteita, scenografa e costumista dello spettacolo, e di Alfonso Signorini, ricostruendo quella Parigi ritratta degli impressionisti nella cui cornice si consuma la triste storia d’amore tra Mimi e Rodolfo.

ono stati gli artisti del Carnevale di Viareggio a realizzare le scenografie del nuovo allestimento del Festival Puccini 2018 firmato Alfonso Signorini. Un lavoro impegnativo e soprattutto svolto in tempi record dagli artisti del Carnevale Alessandro Avanzini, Franco Malfatti, Edoardo Ceragioli, Gianpiero Ghiselli, coordinati da Fabrizio Galli capofila della commessa.

A loro è stato affidato dalla Fondazione Festival Pucciniano l’incarico di materializzare nelle forme e nei colori le idee di Leila Fteita, scenografa e costumista dello spettacolo, e di Alfonso Signorini.

"E’ un omaggio all’impressionismo - ha spiegato Leila Fteita - Abbiamo preso ispirazione dal tipo di pittura usata dagli impressionisti che è il vibrato, che è l’impressione di come loro vedevano le cose, di come sentivano la luce, di come vedevano la luce posarsi sulle case e quindi la scenografia è tutta dipinta con la tecnica a pennello con una sovra stratificazione di colori, proprio come facevano gli impressionisti per dare alla fine una sintesi unica di come la luce si può usare, in questo caso sulle case di Parigi".

Un impianto scenico complesso con tre carrelli che guidano la Soffitta del primo atto, il Cafè Momus del secondo atto e la Dogana del terzo atto. Oltre alle strutture carrellate, nella Cittadella del Carnevale sono stati realizzati 15 alberi che ricreano i grandi boulevard di Parigi e le quinte su cui sono dipinti i tetti di Parigi.

Piena soddisfazione del Comune di Viareggio e dei presidenti delle due Fondazioni del Carnevale e del Festival Puccini Maria Lina Marcucci e Alberto Veronesi per questa collaborazione tra due eccellenze della città di Viareggio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La minore di 16 anni è finita al pronto soccorso. Dalla Polizia Municipale anche 5 verbali e 300 bottiglie sequestrate per vendita abusiva di alcol
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità