Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°31° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 21 luglio 2019

Cronaca lunedì 14 luglio 2014 ore 13:20

La Concordia rigalleggia e si allontana di 30 metri dal Giglio

Iniziate alle 6 le operazioni per la rimozione. La nave è stata alleggerita e staccata dalle piattaforme. Ripreso il traffico navale nel porto



''La Concordia si è staccata dalle piattaforme sia a poppa che a prora - ha spiegato il capo della protezione civile nazionale, Franco Gabrielli -  Lo scafo è diritto e galleggia in perfetto equilibrio''.

Presenti sul'isola del Giglio anche il ministro Gian Luca Galletti, la presidente dell'Osservatorio per il recupero Maria Sargentini, l'ingegner Franco Porcellacchia e l'Ad Michael Thamm di Costa Carnival.

''Portare via il relitto della Costa Concordia dall'isola del Giglio ci costerà circa un miliardo e mezzo di euro - ha spiegato Thamm - Finora abbiamo speso circa un miliardo di euro che non comprende il trasporto del relitto fino a Genova, lo smaltimento e il ripristino ambientale del sito del Giglio su cui è stato allestito il cantiere''.

La nave resterà a trenta metri dal Giglio fino al 21 luglio per prepararla al lungo viaggio verso il porto di demolizione di Genova (250 miglia marine, 5 giorni di percorrenza).

Il transatlantico e' lungo 290 metri, largo 35 e alto 70. Pesa 114.000 tonnellate. Dopo il naufragio, in cui morirono 32 persone, e' rimasto all'isola del Giglio per 900 giorni.

E proprio facendo riferimento a una fiaccolata in ricordo delle vittime che si è svolta ieri sull'isola, il ministro dell'ambiente Gian Luca Galletti ha fatto notare che alla commermorazione non ha presenziato alcun rappresentante della Regione Toscana

''Qualcuno poteva essere con noi a ricordarle - ha detto il ministro - Noi c'eravamo. Non è una critica'.

Immediata la replica del presidente della Regione Enrico Rossi.

''Mi permetto di consigliare al ministro un po' di cautela nelle sue dichiarazioni - ha dichiarato il governatore - E se proprio deve farle, lasci stare le vittime della Concordia. Noi della Regione continueremo ad esserci anche quando il ministro Galletti, spenti i riflettori che lo illuminano, se ne ritornerà a Roma''.

''Costa non è tutta questa eroica società perchè ha combinato un disastro in cui sono morte 32 persone - ha detto ancora Rossi che, nei mesi scorsi, ha lottato a lungo affinchè il relitto venisse smaltito nel porto toscano di Piombino - Fa specie che tutto si trasformi in spettacolo e business. E' giunto il momento che l'isola sia finalmente libera. Noi ci siamo costituiti parte civile contro Costa e siamo disponibili a fare investimenti sul Giglio''. 

Guarda qui sotto l'intervista in video del governatore Enrico Rossi



Enrico Rossi - dichiarazione
Video rigalleggiamento Costa Concordia


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca