Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità mercoledì 16 agosto 2017 ore 11:15

​La spiaggia di San Rossore rischia di sparire

Secondo il servizio di difesa delle coste sono circa 1200 i chilometri di spiagge in via di erosione, con arretramenti superiori a 25 metri in 50 anni



PISA — L'effetto dell'erosione dell'acqua sulla costa e l'innalzamento dei mari rischiano di far sparire alcune spiagge in tutto il mondo. Tra queste anche quella di San Rossore a Pisa dove a fronte di un aumento della spiaggia di sette chilometri e mezzo in duemila anni, si è poi assistito a una riduzione di un chilometro e mezzo in poco più di un secolo.

Secondo un reportage di Wired, il Servizio di difesa delle coste, attivato dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente, sarebbero circa 1200 i chilometri di costa che saranno cancellati.

Le spiagge che rischiano di sparire sarebbero, in Italia Venezia, quella di San Rossore, Golfo di Cagliari e il Golfo di Taranto, all'estero la Wakiki Beach alle Hawaii, la spiaggia di Cancun in Messico, quella di Negril in Jamaica, Miami Beach in Florida, la spiaggia di Santa Barbara in California e quella di Holderness in Inghilterra.

Come racconta a Wired Enzo Prazianidel dipartimento di Scienze della Terra all’Università di Firenze, il problema sarebbe riconducibile all'abbandono delle campagne e dell'agricoltura

Gli alberi e la vegetazione in genere trattengono il suolo, quando si disbosca, la terra non più trattenuta dagli dalle piante viene portata dai fiumi verso il delta, con conseguente aumento della spiaggia.

Continua Pranziani, il progressivo abbandono dell’agricoltura, con conseguente aumento della vegetazione. E poi la costruzione di opere come dighe e porti, che trattengono i detriti, le opere di estrazione di materiale dagli alvei fluviali e quelle di bonifica delle zone paludose”.

Poi in questo contesto si sono inseriti anche i cambiamenti climatici con il riscaldamento del Globo che sta provocando un innalzamento del livello del mare. Sempre secondo quanto racconta Pranziani su Wried "il contributo dell’innalzamento del livello del mare all’erosione costiera si stima intorno al intorno al 20%”.

Ma come contrastare questo fenomeno? L’aggiunta di sabbia prelevata ad alte profondità, limitare la costruzione di barriere artificiali.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il terribile incidente è avvenuto tra un'auto e una bicicletta. I medici hanno tentato di rianimare la donna ma per lei non c'è stato niente da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS