Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:14 METEO:FIRENZE23°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Simona Quadarella: «Non proprio come sognavo, ma volevo una medaglia. Il mio voto? Un bel 9»

Attualità sabato 22 giugno 2019 ore 16:45

Il Papa ai carcerati, "Tutti sbagliamo"

La lettera di Papa Francesco ai detenuti sull'isola di Gorgona: "Il Signore ci perdona sempre, non si stanca mai'



LIVORNO — "Tutti noi facciamo sbagli nella vita e tutti siamo peccatori. E tutti noi chiediamo perdono di questi sbagli e facciamo un cammino di reinserimento, per non sbagliare più. Quando andiamo a chiedere perdono al Signore, Lui ci perdona sempre, non si stanca mai di perdonare e di risollevarci dalla polvere dei nostri peccati". 

Sono le parole che Papa Francesco ha scritto in una lettera inviata ai detenuti dell'isola di Gorgona e consegnata loro dal cardinale Ernest Simoni, che ha visitato il carcere, celebrato la messa sull'isola, che ospita circa 90 detenuti e 50 agenti di polizia penitenziaria, e parlato degli oltre 20 anni di prigionia e lavori forzati in miniera da lui trascorsi quando è stato perseguitato in Albania dal regime comunista di Hoxha. In quegli anni era diventato un punto di riferimento spirituale per i suoi compagni di carcere.

Nella lettera il Pontefice spiega di conoscere "la situazione non sempre facile delle carceri". "Non manco di esortare sempre le comunità ecclesiali locali  - ha scritto il Papa- a manifestare concretamente la vicinanza materna della Chiesa in questi luoghi di dolore e redenzione".

"Da parte mia - si legge ancora nella lettera di Papa Francesco- vi incoraggio a guardare al futuro con fiducia, proseguendo con il prezioso aiuto del vostro cappellano e degli altri educatori il percorso di cambiamento e di rinnovamento interiore, sostenuti dalla fede e dalla speranza che il Signore, ricco di misericordia, ci è sempre accanto".

"Vi sento vicini nella preghiera e vi affido alla materna protezione della Madonna", conclude il Pontefice parlando anche dell'impegno "di tante persone che a Gorgona sono al vostro fianco ed operano a vostro conforto e sostegno".

Nel corso della visita, il cardinale  ha pranzato con i detenuti  e visitato i luoghi di lavoro, le vigne, le stalle e l'azienda agricola, ha ascoltato le storie dei detenuti, risposto alle loro domande e portato parole di conforto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E’ di Francesco Pantaleo, il ragazzo di Marsala scomparso a Pisa, il cadavere carbonizzato trovato sul ciglio di un fossato ad Orzignano nel Pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità