Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:36 METEO:FIRENZE21°32°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 27 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Biles: «Nessun infortunio, giusto dare la priorità al benessere mentale»

Attualità martedì 24 febbraio 2015 ore 16:45

"Magistrati nè protagonisti nè burocrati"

Questo il monito lanciato dal presidente della Repubblica Mattarella a Castelpulci. La replica di Grasso: "A volte il protagonismo viene da sè"



FIRENZE — Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è arrivato alla Scuola superiore di magistratura in tramvia, accompagnato dal sindaco di Firenze Dario Nardella e dal prefetto Luigi Varatta. Lungo il percoso bandiere tricolori e molti cittadini incuriositi.

Giunto a Scandicci, il capo della Stato ha trovato ad attenderlo il presidente del Senato Piero Grasso, il ministro alla giustizia Andrea Orlando, il governatore Enrico Rossi, il sindaco di Scandicci Sandro Fallani e le altre autorità mentre un gruppo di studenti suonava l'inno di Mameli. Strette di mano con tutti, ragazzi compresi, e poi l'ingresso nella villa per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico.

Una visita lampo durata poco più di un'ora ma sufficiente per ricordare agl allievi della scuola quali sono gli atteggiamenti da evitare se vogliono svolgere al meglio il loro compito di magistrati.

"Gli atteggiamenti da protagonista assoluto del processo o di burocratico amministratore di giustizia snaturano la fisionomia della funzione esercitata - ha detto Mattarella - Valgono quindi sempre le parole di Piero Calamandrei: il pericolo maggiore che in una democrazia minaccia i giudici è quello dell'assuefazione, dell'indirefferenza burocratica, dell'irresponsabilità anonima".

"Un esercizio responsabile dei poteri dei magistrati in nome del popolo - ha detto ancora il presidente della Repubblica - vede nei percorsi formativi un passaggio rilevante per raggiungere e mantenere il difficile equilibrio fra garanzia, discrezionalità del giudize e risposta al diffuso sentimento di legalità che si avverte sempre più nel paese".

A replicare a Mattarella  sul monito ai magistrati ci ha pensato il presidente del Senato Grasso: "Io sono un ex agistrato e penso di aver interpretato il ruolo senza essere nè burocrate nè protagonista - ha dichiarato Grasso - Alle volte il protagionismo viene da sè, per le cose importanti che fai".

Guarda qui sotto il servizio video sulla visita di Sergio Mattarella a Castelpulci

Servizio di Tommaso Tafi
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco i nuovi casi di Covid e l'incidenza di tutti i Comuni toscani registrati nell'ultima settimana. Oggi 361 nuovi casi di infezione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità