Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Il 93,4% delle classi è in presenza»

Cronaca venerdì 29 ottobre 2021 ore 13:01

Ossessiona la ex e la pedina dappertutto

stalker

E' scattato il divieto di avvicinamento per il versiliese che da un anno perseguita la ex moglie sia al telefono che seguendola ovunque



CARRARA — La pedina. Si apposta sotto casa e nei luoghi che lei frequenta. Le telefona, e poi i messaggi e i calci al portone di casa per farsi aprire. Così da un anno un uomo di 46 anni originario di Viareggio perseguita la ex moglie. I carabinieri della compagnia di Carrara e le forze dell'ordine sono intervenuti ripetutamente nei mesi scorsi per proteggere la signora, ma nulla. E adesso per lui è scattato il divieto di avvicinamento in quanto ritenuto responsabile di atti persecutori nei confronti dell’ex moglie. 

La vittima, 43 anni, si era rivolta ai carabinieri nello scorso mese di Agosto denunciando una lunga serie di comportamenti assillanti e ossessivi di cui era oggetto da parte dell’ex marito e che andavano avanti dall’anno prima, dopo la fine del loro matrimonio. La donna era arrivata anche ad allontanarsi da Carrara per trovare ospitalità da amici fuori regione. L'ex marito, però, l'aveva rintracciata anche lì riprendendo con i ripetuti tentativi di contatto.

Quando la vittima è tornata a Carrara, la situazione è precipitata. L’uomo ha cominciato a seguirla per la strada, controllando ogni suo spostamento e facendosi trovare nei luoghi da lei frequentati abitualmente. Una volta le ha mandato a casa i vigili del fuoco raccontando che la moglie non dava più segni di vita e quindi poteva esserle successo qualcosa, invece in casa semplicemente non c’era nessuno. 

Per non parlare dei ripetuti interventi che ha chiesto alle pattuglie delle forze dell’ordine sostenendo che la signora, straniera, non avesse i documenti in regola per rimanere in Italia e quindi dovesse a suo avviso essere rimpatriata, cosa poi risultata non vera.

Oltre a tutto questo, la donna ha prodotto la prova di tutti i messaggi e delle centinaia di telefonate che quotidianamente arrivavano sul suo cellulare, sia con il numero privato che con utenze di sconosciuti. Dopo la denuncia, la situazione non è migliorata. L’ex marito ha continuato a pedinarla ovunque urlando il suo nome per attirare l’attenzione, poi si è presentato più volte a casa sua attaccandosi al campanello sia di giorno che in piena notte per costringerla a parlare con lui, arrivando al punto di portarsi dietro una sedia per piantonare l’abitazione come un cane da guardia.

L’indagato non ha cambiato atteggiamento nemmeno quando i militari gli hanno spiegato chiaro e tondo le potenziali conseguenze di quelle sue richieste d’intervento del tutto infondate. Poi, il culmine: i primi di Ottobre l'uomo si è presentato di sera a casa della sua ex e, dopo aver suonato più volte il campanello, ha prima iniziato a colpire energicamente il portone del palazzo e poi, dopo essere entrato, ha cercato di forzare la porta dell’abitazione.

Alla fine, il giudice Marta Baldasseroni ha ravvisato l’esistenza di un concreto e attuale rischio che l’indagato possa continuare a perseguitare la ex compagna e, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, ha imposto al 46enne di non avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima e di non provare a contattarla per telefono né in altri modi, né lei né i suoi familiari. L'uomo ha anche divieto di dimora a Carrara.

Per notificare il provvedimento ci sono voluti alcuni giorni di ricerche visto che il 46enne è ufficialmente senza fissa dimora, ma alla fine a rintracciarlo sono stati gli stessi carabinieri che si sono occupati dell’indagine. Lo hanno trovato presso l’abitazione dei familiari a Massa. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'impatto contro il muro è stato troppo violento e il conducente della vettura non ce l'ha fatta malgrado i tentativi di rianimazione dei soccorritori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità