Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°20° 
Domani 15°21° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 22 settembre 2019

Cronaca mercoledì 01 marzo 2017 ore 16:00

Morto a Bogotà, scatola di sonniferi sul comodino

E' stata fatta l'autopsia sul cadavere di Andrea Durin ma il personale dell'ambasciata non ha ottenuto l'autorizzazione per vedere il corpo



MONTELUPO — Un corpo su cui piangere: è questa la richiesta dei familiari di Andrea Durin, il tecnico del suono residente a Montelupo Fiorentino, trovato morto lo scorso 18 febbraio nella camera di un albergo a Bogotà.

Le autorità locali hanno fatto sapere a quelle consolari italiane che nella camera dell'hotel dove è stato trovato l'uomo è stata trovata una scatola di sonniferi. 

Secondo quanto si è appreso, il personale dell'ambasciata si è recato all'istituto di medicina legale dove si trova la salma del tecnico del suono, senza però ottenere l'autorizzazione per vedere il corpo. 

Sono state invece visionate delle fotografie del volto e della gamba sinistra con la lunga cicatrice di cui Paolo Durin aveva dato notizia ai rappresentanti dell'ambasciata.

"Non sappiamo più che fare: stiamo impazzendo. Prima mi hanno detto che dovevo recarmi a Bogotà per il riconoscimento poi, nella tarda serata di ieri, mi è stato spiegato che i rilievi autoptici erano già stati effettuati e che era inutile andassi lì perché non sarei riuscito a vedere il corpo. Basterebbe sapere che almeno si tratta di lui, vorremmo avesse una degna sepoltura", ha raccontato il fratello di Andrea, Paolo Durin. 



Tag

Atreju, Conte accolto da Giorgia Meloni: «Tu pensavi che io non venissi?»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Cronaca

Cronaca