Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:46 METEO:FIRENZE23°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«L'Economia», come funziona la nuova app del Corriere: l’assistente virtuale e oltre 30 mila contenuti
«L'Economia», come funziona la nuova app del Corriere: l’assistente virtuale e oltre 30 mila contenuti

Attualità giovedì 05 gennaio 2023 ore 09:00

Zone 30 e dossi, esperimento nei borghi toscani

Il problema della velocità, molto sentito nei piccoli borghi, è oggetto di una sperimentazione: i soldi delle multe serviranno per segnaletica e dossi



MONTESPERTOLI — "Una sperimentazione" così il Comune di Montespertoli ha presentato il piano zone 30 e dossi per intervenire sulla sicurezza stradale nell'intero territorio comunale, frazioni comprese. Il piano prevede di utilizzare i proventi delle multe per piccoli interventi che possano però dare la massima resa in termini di deterrenza.

Il vasto territorio che comprende molti borghi e frazioni che sorgono su strade ad alta percorrenza o di collegamento con altri comuni della provincia, rende Montespertoli un luogo ideale per fare da modello in tutta la Toscana.

Fino ad oggi le zone 30 sono apparse in alcuni tratti delle grandi città come Firenze ma è nei piccoli borghi che la criticità è particolarmente sentita, lì dove fino agli anni '80 si giocava in strada mentre oggi si rischia la vita a causa di un mix micidiale: mancanza di marciapiedi, carreggiate strette, mezzi pesanti in transito per mancanza di strade alternative e auto di grossa cilindrata.

“Si tratta di una sperimentazione che intendiamo iniziare quest’anno su alcuni borghi. I cittadini di queste frazioni da tempo richiedono una presa in carico del problema della velocità delle vetture in transito, e intendiamo affrontare questo problema. Sappiamo che il nodo è principalmente culturale e che questi sono interventi di mitigazione, ma non possiamo stare fermi. Per questa ragione inizieremo a realizzare zone con limite a 30 km/h, con cartelli adeguati, segnaletica luminosa e laddove possibile rallentatori in PVC a terra. Se questi interventi funzionano saremo pronti a esportarli in altre frazioni utilizzando, come in questo caso, i proventi delle multe” così il vice sindaco Marco Pierini ha spiegato il piano in qualità di assessore ai Lavori Pubblici e alla Polizia Municipale.

Saranno in particolare Baccaiano, Bignola, Fezzana e Fornacette i primi nuclei oggetto di intervento. In particolare: a Baccaiano sarà realizzata una “zona 30” segnalata da cartelli lampeggianti, con parcheggi in serie lungo la SP4 per ridurre la carreggiata, nuovo STOP all’incrocio tra la SP4 e via Virginio in direzione Montespertoli, nuovi stalli di sosta e senso unico su via Virginio in uscita sulla SP80, nuovo attraversamento pedonale segnalato con lampeggianti presso il civico 112 sulla SP4; a Fezzana è previsto il rifacimento della “zona 30” con nuovi cartelli e segnali lampeggianti all’ingresso del borgo; a Fornacette, infine, sarà rifatta una “zona 30” lungo la via Certaldese con segnali lampeggianti nei pressi dell’attraversamento pedonale rialzato, nuova segnaletica orizzontale rifrangente, nuovi cartelli di inizio del centro abitato; all’interno del borgo, su via Polvereto, saranno installati due dossi in PVC e nuovi rallentatori ottici in vernice spartitraffico rifrangente per segnalare la presenza dei rallentatori.

Sono contestualmente allo studio dell’Ufficio Manutenzioni del Servizio Lavori Pubblici anche interventi analoghi presso il borgo di Bignola, presso la zona sportiva di Molino del Ponte e presso l’abitato di Vicchio, sulla SP125. In particolare, nel primo caso si sta valutando la realizzazione di una “zona 30” segnalata da lampeggianti, nel secondo caso è allo studio l’installazione di due dossi per impedire il passaggio ad alta velocità dei mezzi nel tratto di accesso agli impianti sportivi comunali, mentre nel terzo s’intende realizzare adeguata segnaletica verticale luminosa per invitare i veicoli in transito a rallentare nei pressi della strettoia precedente l’intersezione tra via Lungagnana e via Valle a Lungagnana (direzione Certaldo).

Dal punto di vista della manutenzione ordinaria della segnaletica stradale orizzontale, infine, priorità verrà data nel corso del 2023 al rifacimento delle strisce pedonali e delle strisce di STOP sia nel capoluogo sia nelle frazioni, laddove possibile con l’impiego di materiali più resistenti all’usura.

“Purtroppo – conclude il vicesindaco Pierini – non possiamo intervenire ovunque, sia per le condizioni fisiche di alcune strade, sia perché alcuni borghi ricadono su strade non comunali al di fuori dei centri abitati così come definiti dalla legge. Per questi casi continueremo a sollecitare gli enti competenti, affinché le richieste dei cittadini possano essere ascoltate”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno