Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Audio - Dentro la macchina di Messina Denaro con la foto scattata da lui: «Sono fermo per sta commemorazione della m...»

GIALLO Mazzola giovedì 27 ottobre 2022 ore 09:00

Oui, je suis Olivier Norek... da sbirro a scrittore di noir

Lo scrittore che vi presentiamo è Oliver Norek: un autore molto in voga in Francia, che si sta facendo spazio anche tra gli appassionati italiani e che abbiamo recentemente incontrato a Pordenonelegge. Un uomo magnetico che ha passato una buona parte della vita a fare un pericoloso mestiere e che sta attualmente utilizzando le sue conoscenze per la scrittura di intriganti noir.



PECCIOLI — Francese di origini polacche, 47 anni, Olivier Norek partecipa ai soccorsi umanitari durante la guerra nella ex Jugoslavia prima di entrare nella polizia giudiziaria, dove rimane per diciotto anni. È autore di quattro romanzi polizieschi che hanno per protagonista il commissario Victor Coste, tutti tra i primi posti delle classifiche d’Oltralpe. Tra due mondi (Rizzoli, 2018) è il suo primo libro pubblicato in Italia. Dopo aver “sfondato” in patria, i polizieschi di Norek sono stati tradotti in quattordici lingue e hanno venduto due milioni di copie nel mondo, ottenendo numerosi premi e riconoscimenti letterari.

Nelle vesti di scrittore, Olivier Norek adotta lo stesso atteggiamento tenuto nel suo ruolo di poliziotto: combattere le ingiustizie senza perdere di vista le nostre stesse fragilità. Superficie (2022) è l’ultimo romanzo uscito per i tipi della casa editrice Rizzoli nella sua traduzione dal francese. Qui incontriamo la nuova protagonista, la capitana della squadra antidroga, Noémie Chastain, che, sfigurata nel viso dopo uno scontro a fuoco, viene spedita a lavorare in un commissariato periferico. Noémie nasce dalla penna di Norek, ma è un personaggio ispirato alle vicende di una collega dell’autore che ha realmente subito un attacco da parte di malviventi durante il suo lavoro di poliziotta.

Ad Avalone, nella campagna occitana Noémie dovrebbe restare inchiodata a una scrivania a compilare documenti, nascosta agli sguardi altrui. Il suo viso fortemente deturpato è un richiamo costante a quali siano i rischi del mestiere e può abbattere il morale dei colleghi; l’autore a proposito afferma: “Quella di Noémie è la storia di un’accettazione di sé stessi, di una ricostruzione. Sappiamo tutti che il viso racconta quello che siamo. Noi ci misuriamo nello sguardo dell’altro, che ci frena, ci giudica, ci esamina, ci addolora...”.

Nella sonnolenta cittadina, a ridosso di un lago artificiale, i giorni si trascinano con la lentezza dell’acqua stagnante, ma proprio dalle acque del lago emerge un fusto di plastica con dentro un cadavere, e tutto cambia.

“Noémie si girò verso i curiosi che, dato il numero, dovevano rappresentare un terzo di Avalone.

- Sarà complicato nascondere alla gente la nostra scoperta” osservò Hugo.

-Ci sono abituata. Qui nulla rimane segreto a lungo. Ma aver trovato un solo fusto è anche peggio. Significa costringerli a farsi una domanda terribile.

-Cioè?

- Chi c’è dentro? Cyril o Elsa?”.

Arguto, esperto dei più moderni mezzi di indagine e anche pienamente disposto a calarsi nei panni femminili della sua protagonista, Oliveir Norek si propone come uno dei maggiori talenti attuali sulla scena internzionale.

A cura dello Staff della Biblioteca Fonte Mazzola di Peccioli

CONSIGLIO DI LETTURA

Perché proprio il giallo a Fonte Mazzola?

Tutto è iniziato nel 2016 con Parole Guardate, il nostro Festival del giallo. Un progetto di contaminazione tra teatro, letteratura e scrittura, per adulti e bambini.

La particolarità del progetto Parole Guardate è stata quella di incentrare le sue attività e gli eventi sulle opere di un unico scrittore: negli anni sono stati protagonisti grandi e prolifici autori come Maurizio de Giovanni, Romano De Marco, Marilù Oliva, Giampaolo Simi, Piergiorgio Pulixi, penne che hanno riscosso molto successo e affetto da parte del pubblico.

La Biblioteca Comunale e Archivio Fonte Mazzola, con i suoi 400 metri quadri di ampiezza e una collocazione spettacolare sul limitare della campagna pecciolese, è stata inaugurata il 26 gennaio 2019. Qui puoi trovare una sezione dedicata al giallo italiano e straniero (americano, inglese, nord-europeo, francese…) e un patrimonio librario composto da ottomila volumi, la preziosa collezione del prof. Arnaldo Nesti, consistente in altri novemila volumi e la donazione del Prof. De Santi, composta da altri mille libri, rari e di pregio, monografici sul cinema.

Tutti gli spazi sono utilizzabili in assenza dell’operatore bibliotecario ogni giorno dalle h. 8 alle 24 (compresi la Domenica e i giorni festivi), tramite un codice personale di accesso. L’iniziativa, unica sul territorio della Valdera, è il fiore all’occhiello della nostra Biblioteca e permette a numerosi studenti e utenti di frequentare in libertà, ma con assoluto rispetto, le sale a disposizione.

Qui troverai una Biblioteca dei Ragazzi con un’ampia varietà di letture dedicate in una luminosa sala, rivolta verso l’Anfiteatro Fonte Mazzola; lo Speaker’s corner, l’angolino del parlato, la nuovissima attività proposta agli utenti dai 6-14 anni in cui un nostro operatore esperto sarà a disposizione per conversare in lingua inglese. Per la fascia di età 8-12 sarà organizzato un circolo di piccoli lettori, dal titolo Dieci piccoli detective: incontri mensili dedicati alla lettura e dinamiche dei romanzi gialli.

Tante le attività della Biblioteca gli incontri del Circolo dei Lettori, il corso di scrittura dal titolo: Storia a tinte gialle, un rinnovamento del Progetto Parole Guardate che si è incentrato sul giallo storico, in dieci appuntamenti che si terranno in autunno a partire dal 10 novembre. Dei benefits sono dedicati ai nostri studenti e ai nuovi iscritti: ad esempio, chi è in possesso del codice di ingresso della Biblioteca può partecipare a Studiare senza stress, tre incontri dedicati al potenziamento della memoria e il miglioramento dei metodi di studio, tenuti dal docente Stefano Intini.

Per celebrare l’importanza della lettura come conoscenza e crescita personale, stiamo per avviare Contemporaneamente. Leggere per comprendere, un’iniziativa legata alla Libroterapia Umanistica, un metodo che parte dalla lettura, per promuovere il benessere psicologico e la crescita personale di ciascuno. Presso la Biblioteca Comunale di Peccioli i lettori hanno avuto a disposizione dal mese di maggio una scatola dove poter inserire i titoli dei libri che hanno rivestito un particolare ruolo di formazione durante la loro vita. I suggerimenti così raccolti stanno per essere elaborati e restituiti in chiave libroterapica dalla psicologa Rachele Bindi i prossimi incontri.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca