Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE24°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'attacco al centro commerciale di Kremenchuk visto dalle telecamere di sorveglianza

GIALLO Mazzola giovedì 26 maggio 2022 ore 07:30

Le ossa, cosa resta di noi

Le ossa sono tutto quello che resta di noi, quando non ci saremo più. Esse parlano dei segreti del nostro passato, della nostra vita e della nostra morte. Ecco perché sulle ossa si concentra l’attenzione dei maestri del giallo, e dei loro investigatori, che ricercano la verità, i colpevoli e le tracce di morti violente proprio tramite l’analisi scientifica dei nostri resti.



PECCIOLI — “È un bambino” disse all’improvviso. A Rocco si gelò il sangue. “Come fa a dirlo?”. “Basta guardare le ossa metacarpali. Un bambino al mille per cento”. “Un bambino?” ripeté Rocco come se non avesse digerito la notizia... “C’era la mano di un figlio di puttana e quel pensiero scese al cervello fino al petto gonfiandogli i muscoli e facendogli stringere i pugni. Arrivare a una soluzione, a un colpevole, sarebbe stato difficile, forse impossibile. Come cercare di prendere un treno in ritardo di anni e raggiungere lo stesso la meta desiderata in orario”. Questa è forse l’indagine più dura che è chiamato a risolvere Rocco Schiavone e che forse brucia di più sulla sua pelle: la favola nera del piccolo Mirko che si apre nel bosco col ritrovamento dello scheletro di un bambino sconosciuto e che si chiuderà allo stesso modo in un bosco. Al cospetto delle più esecrabili deviazioni umane, della pedofilia e della violenza raccontate ne Le ossa parlano, l’ultimo noir di Antonio Manzini (Sellerio, 2022), il conosciuto e televisivo Rocco Schiavone si sente sempre più solo in questa sua fase di cambiamento.

La Confraternita delle ossa è il primo romanzo che ha come investigatore l’aspirante giornalista ficcanaso Enrico Radeschi, nato dalla fantasia di Paolo Roversi (Marsilio, 2016). La chiesa di “San Bernardino alle ossa”, come del resto la millenaria compagnia da cui il romanzo prende il titolo, risulta centrale nella storia. Le vicende delittuose si intrecciano a doppio filo a quelle di una Milano di vent’anni fa, in cui è appena arrivato l’euro e un grattacielo prende fuoco: il Pirellone. All’ombra della Madonnina opera una misteriosa confraternita che intende ristabilire un ordine morale nella dissoluta società milanese…

Facciamo un salto indietro nel tempo con il romanzo giallo Le ossa della principessa, della scrittrice italiana Alessia Gazzola, (Longanesi, 2014). È il quarto volume con protagonista Alice Allevi, una specializzanda in anatomopatologia dell'Istituto di Medicina legale di Roma. A chi appartengono quelle povere ossa ritrovate nella storia? E cosa ci fa una coroncina da principessa accanto al corpo? Sono i resti di una giovane archeologa scomparsa anni prima, mentre stava per partire per una missione di scavo nei territori palestinesi. Chi l’ha uccisa e sepolta come in un rituale con accanto una coroncina? Non appena giunta sulla scena del ritrovamento, però, mille domande si affollano nella mente di Alice… La storia dei romanzi di Alessia Gazzola, bestsellers in Italia, è divenuta il soggetto di un serie TV di successo.

“La vittima era ancora viva quando l’ultima palata di terra umida le era stata rovesciata sulla faccia…”. “Non era una donna. Nonostante l’anello. Era un uomo decisamente robusto, sulla cinquantina. Morto come il suolo in cui era sepolto…”, così narra Il Collezionista di ossa, del maestro americano Jeffery Deaver (Sonzogno, 1998).Settantadue ore di pura suspense: l’arco di tempo narrativo del thriller, in cui, tramite vari colpi di scena, l’investigatore Lincoln Rhyme si mette sulle tracce del killer, fino a scoprire che la prossima vittima sarà proprio lui! L’assassino lascia delle tracce per svelare che si sta ispirando a un romanzo poliziesco di inizio secolo, il “Collezionista di Ossa” appunto, di cui sta replicando tutti i delitti descritti.

Di ossa narrano dunque moltissimi autori gialli, proprio perché esse parlano di noi, rivelano i nostri segreti nel momento in cui non esistiamo più. Nella fantasia del crimine, troviamo i migliori anatomopatologi, avvocati e poliziotti della scientifica alla ricerca di ciò che raccontano le ossa umane, che, se ascoltate, ci parlano…

Lo staff della Biblioteca Fonte Mazzola di Peccioli

CONSIGLI DI LETTURA

Perché proprio il giallo a Fonte Mazzola?

Tutto è iniziato nel 2016 con “Parole Guardate”, il nostro Festival del giallo. Un progetto di contaminazione tra teatro, letteratura e scrittura, per adulti e bambini.

La particolarità del progetto Parole Guardate è stata quella di incentrare le sue attività e gli eventi sulle opere di un unico scrittore: negli anni sono stati protagonisti grandi e prolifici autori come Maurizio de Giovanni, Romano De Marco, Marilù Oliva, Giampaolo Simi, Piergiorgio Pulixi, penne che hanno riscosso molto successo e affetto da parte del pubblico.

La Biblioteca Comunale e Archivio Fonte Mazzola, con i suoi 400 metri quadri di ampiezza e una collocazione spettacolare sul limitare della campagna pecciolese, è stata inaugurata il 26 gennaio 2019. Qui puoi trovare una sezione dedicata al giallo italiano e straniero (americano, inglese, nord-europeo, francese…) e un patrimonio librario composto da ottomila volumi, la preziosa collezione del prof. Arnaldo Nesti, consistente in altri novemila volumi e la donazione del Prof. De Santi, composta da altri mille libri, rari e di pregio, monografici sul cinema.

Tutti gli spazi sono utilizzabili in assenza dell’operatore bibliotecario ogni giorno dalle h. 8 alle 24 (comprese la Domenica e i giorni festivi), tramite un codice personale di accesso. L’iniziativa, unica sul territorio della Valdera, è il fiore all’occhiello della nostra Biblioteca e permette a numerosi studenti e utenti di frequentare in libertà, ma con assoluto rispetto, le sale a disposizione.

Qui troverai una Biblioteca dei Ragazzi con un’ampia varietà di letture dedicate in una luminosa sala, rivolta verso l’Anfiteatro Fonte Mazzola; lo “Speaker’s corner”, l’angolino del parlato, la nuovissima attività proposta agli utenti dai 6-14 anni in cui un nostro operatore esperto sarà a disposizione per conversare in lingua inglese. Per la fascia di età 8-12 sarà organizzato un circolo di piccoli lettori, dal titolo “Dieci piccoli detective”: incontri mensili dedicati alla lettura e dinamiche dei romanzi gialli.

Tante le attività e le novità previste per il nostro Maggio dei libri che vedrà un rafforzamento del Progetto Nati per Leggere, in cui alcuni lettori specializzati insieme ai genitori leggeranno ai loro bambini della fascia di età 0-6, dei libri in Biblioteca. Molte attività del Circolo dei Lettori, la ripresa del corso di scrittura dal titolo: Fermi tutti! Questo è un colpo di scena, un rinnovamento del Progetto Parole Guardate che descrive il colpo di scena, nella letteratura e nel cinema, in tre incontri prima dell’estate. Anche benefits sono dedicati ai nostri studenti e ai nuovi iscritti: ad esempio, chi è in possesso del codice di ingresso della Biblioteca potrà partecipare, a partire dal 28 maggio, al primo incontro del corso Studiare senza stress, tenuto dal docente Stefano Intini, per il potenziamento della memoria e il miglioramento dei metodi di studio.



Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Arrivano i temporali ma resta l'allerta per le alte temperature. Forti piogge e raffiche di vento sul nord-ovest e sulle coste centro meridionali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Cronaca

Cronaca

Cronaca