Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Jovanotti a sorpresa torna sul palco e canta al Festival of The Sun in Toscana
Jovanotti a sorpresa torna sul palco e canta al Festival of The Sun in Toscana

Attualità mercoledì 11 gennaio 2023 ore 18:45

Chirurgia mininvasiva della prostata, dimessi in poche ore

sala operatoria

La nuova tecnica praticata in Toscana contro l'ipertrofia benigna consente di trattare i pazienti rapidamente e poi dimetterli in tempi ridottissimi



PISA — Trattamenti in anestesia locale che durano una manciata di minuti in un'unica sessione e dimissioni nel giro di ore anziché di giorni: è la nuova tecnica di trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna utilizzata da alcune settimane nell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana. L’intervento consiste nell’inserimento di due sottili aghi nel tessuto ipertrofico della prostata. Gli aghi sono attraversati da una fibra laser finissima che sprigiona un’energia termica tale da necrotizzare il tessuto, che viene poi riassorbito entro due o tre mesi. 

E' la nuova frontiera del trattamento di una patologia diffusissima, salutata con soddisfazione dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. A Pisa, spiega il professor Riccardo Bartoletti che dirige l’unità operativa Urologia 1 dell’Aoup, “sono già stati trattati circa 40 pazienti con eccellenti risultati. Questa tecnica consente infatti di curare pazienti con qualsiasi dimensione prostatica, garantendo la preservazione di tutte le funzioni sessuali nel 97% dei casi, come risulta da studi realizzati in Italia e all’estero. Possiamo inoltre intervenire con successo anche su pazienti che portano cateteri in permanenza”.

Questa tecnica si affianca a un’altra metodica mininvasiva che Aoup ha adottato per prima, in Toscana, e che è destinata a pazienti più giovani e con ipertrofie prostatiche meno rilevanti. In questo caso, attraverso il canale urinario, viene introdotto un ago a radiofrequenza che genera vapore acqueo. Attraverso l’aumento controllato della temperatura locale, le cellule prostatiche muoiono inducendo un processo di regressione della porzione di ghiandola che impedisce il normale flusso urinario. Anche questa tecnica permette di mantenere inalterate le funzioni sessuali pressoché nella totalità dei pazienti, oltre a consentire di svuotare autonomamente la vescica senza aiuti farmacologici.

Da sinistra i dottori Riccardo Bartoletti e Rocco Rago

Da sinistra i dottori Riccardo Bartoletti e Rocco Rago

I pazienti selezionati per questi interventi mininvasivi vengono ricoverati nel Centro multidisciplinare di ricovero breve. Qui, come conferma il direttore del Centro dottor Rocco Rago, “sono sempre di più gli interventi che è possibile eseguire senza lunghi ricoveri, con al massimo una notte passata in reparto: il tutto seguendo rigorosamente gli standard internazionali, con grande beneficio per i pazienti. Per quanto riguarda il numero degli interventi, nel 2022 abbiamo raggiunto i livelli toccati prima della pandemia, e nel 2023 avremmo la possibilità di incrementare notevolmente i nostri volumi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno