Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:05 METEO:FIRENZE16°22°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius

Attualità mercoledì 27 settembre 2023 ore 12:20

Nel 2100 mari più alti di un metro, costa toscana a rischio

Uno studio che ha coinvolto l'università di Pisa evidenzia il pericolo in futuro dell'innalzamento al ritmo attuale di emissioni di gas serra



PISA — Se le emissioni di gas serra continueranno al ritmo attuale, nel 2100 il livello del mare sulla Terra potrebbe aumentare anche fino a un metro, con tutti i rischi conseguenti per mareggiate e fenomeni estremi.

Una prospettiva non certo positiva, fornita da uno studio pubblicato sulla rivista Earth System Science Data a cui ha partecipato anche il professor Matteo Vacchi dell’Università di Pisa.

Nello specifico, la ricerca ha messo insieme tutti i dati esistenti relativi al livello del mare durante l’ultimo periodo interglaciale, 125.000 anni fa, l’ultimo in cui la Terra è stata lievemente più calda rispetto a oggi. Secondo l’atlante online creato dai ricercatori, il livello dei mari all’epoca era tra i 3 e i 9 metri più alto di adesso.

"Nel periodo interglaciale le condizioni climatiche erano dovute a un cambiamento nella configurazione orbitale della Terra - precisa il professor Vacchi – il riscaldamento climatico odierno deriva invece, in larga parte, dall’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera, dovuto alle attività umane".

A livello globale le zone più vulnerabili all’innalzamento del livello del mare sono gli atolli nel Pacifico e le gradi piane costiere del sud-est asiatico. Per quanto riguarda il Mediterraneo, invece, sono particolarmente vulnerabili la laguna di Venezia, l'alto Adriatico, e in generale le grandi piane costiere, per esempio il Volturno di Napoli, ma anche la piana pisana in Toscana.

Prima responsabile dell’innalzamento dei mari sarebbe la fusione delle due grandi calotte polari del pianeta, ovvero la Groenlandia e Antartide. Se si dovesse fondere tutta la calotta glaciale che copre attualmente la Groenlandia, il livello globale del mare salirebbe di circa 7 metri. "Nella Terra ci sono stati dei periodi in cui il livello del mare è salito al di sopra dell'attuale - ha concluso - ma quello che preoccupa oggi sono i tassi di risalita, ovvero l'accelerazione avvenuta negli ultimi 150 anni, in concomitanza con l’inizio della rivoluzione industriale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno