Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE24°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'attacco al centro commerciale di Kremenchuk visto dalle telecamere di sorveglianza

Attualità venerdì 20 maggio 2022 ore 19:15

Un aerosol per i tumori pleurici, l'idea è pisana

L'equipe medica del Pitac

L'Aoup ha già condotto 10 trattamenti con il Pitac, una modalità innovativa di somministrazione di farmaci chemioterapici attraverso la nebulizzazione



PISA — Un'idea nata e messa in pratica nell'unità operativa di Chirurgia toracica dell'Azienda ospedaliero-universitaria pisana. Che, appunto, fa di Pisa il primo centro italiano a eseguire questa innovativa procedura.

Si tratta del Pitac, acronimo che deriva dal nome inglese Pressurized IntraThoracic Aerosol Chemotherapy, ovvero una metodica che consente la somministrazione locale di chemioterapico per via toracoscopica nel trattamento delle carcinosi della pleura, la membrana che ricopre i polmoni.

Finora, il trattamento di queste ultime nell'unità diretta dal professor Marco Lucchi era esclusivamente sintomatico e palliativo. Di fronte a tali quadri di malattia, infatti, anche i farmaci chemioterapici di ultima generazione non riescono a raggiungere il bersaglio in maniera efficace. Grazie alla nebulizzazione del farmaco con Pitac, però,  esso permea tutte le superfici con l’aerosol, interessando anche spazi altrimenti difficilmente raggiungibili.

Inoltre, questa tecnica consente di valutare sotto visione diretta e con precisione l’estensione della carcinosi, controllando la diffusione del farmaco durante la procedura. Insomma: il trattamento non è più soltanto palliativo, ma anche finalità oncologiche, garantite con un intervento mini-invasivo e di breve durata, con una degenza di circa 3 giorni.

"Si tratta di un trattamento innovativo, che permette di esplorare territori terapeutici posti ben al di là delle attuali possibilità - ha detto il professor Lucchi - l’obiettivo finale è quella di poter offrire nuove opportunità a malati che, proprio per lo stato avanzato della patologia, vengono relegati a trattamenti solo palliativi. Con questa metodica, infatti, vista la bassa concentrazione di farmaco richiesto, è più facile somministrare e valutare l’azione di farmaci di nuova generazione. La nostra speranza è quella di poter spostare in là un’asticella purtroppo ferma".

All’ospedale di Cisanello, da Dicembre dello scorso anno, sono state condotte ben 10 procedure di Pitac. Si tratta della fase iniziale e pionieristica di un progetto di ampio respiro, atto a raccogliere una congrua dose di risultati.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Arrivano i temporali ma resta l'allerta per le alte temperature. Forti piogge e raffiche di vento sul nord-ovest e sulle coste centro meridionali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Cronaca

Cronaca

Cronaca