Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:00 METEO:FIRENZE5°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 09 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo: Morandi, Ranieri e Al Bano fanno cantare l'Ariston

Attualità giovedì 29 ottobre 2015 ore 14:35

Inceneritore, 'buco' temporale nei monitoraggi

Il Movimento 5 Stelle denuncia l'assenza delle analisi sugli sforamenti nella prima quindicina di luglio. Presentata un'interrogazione in Regione



AGLIANA — A spiegare le ragioni delle preoccupazioni, è il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Agliana Massimo Bartoli. Con lui, il capogruppo regionale del Movimento Giacomo Giannarelli

"Nessuno ha preso atto degli sforamenti dei limiti massimi di diossine dell'inceneritore di Montale che si evincono dal documento di Arpat dal primo al 15 luglio - spiega Bartoli - Chiediamo come mai nessuno abbia denunciato il superamento dei livelli consentiti". 

Esiste, insomma, un "buco temporale", rappresentato dalla fiala 57, cioè il campionamento delle emissioni del termovalorizzatore nella prima quindicina di luglio. 

"Il Comune di Agliana è uno dei tre proprietari dell'impianto - prosegue il consigliere - siamo seriamente preoccupati della situazione sanitaria perché secondo l'Asl di Pistoia ad Agliana si muore di più e questo è dovuto alle probabili ricadute dell'impianto di termovalorizzazione. Abbiamo già chiesto la chiusura, richiesta che è stata disattesa".

In Consiglio comunale i 5 stelle domanderanno un chiarimento alla giunta e avanzano una mozione per chiedere che i risultati delle fiale, da qui in poi, "vengano resi noti il prima possibile. Non possiamo avere dei risultati di un'analisi cosi' importante come lo sforamento di oltre 4 volte il limite consentito delle diossine dopo 45 giorni- prosegue Bartoli - i campionamenti non devono essere più fatti ogni due settimane, ma settimanalmente".

Per Giannarelli "qualsiasi inceneritore crea problemi alla salute. La soluzione è fermare l'impianto e convertirlo in uno a freddo per la gestione dei rifiuti, anche perché l'Arpat mette nero su bianco che la struttura manifesta scarsa affidabilità". Da qui, l'interrogazione al presidente della Regione Rossi per chiedere "quali azioni l'ente intende intraprendere nei confronti del gestore.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno