Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE16°20°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 02 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo messaggio del rapper russo Walkie prima del suicidio: «Non sono pronto a uccidere»

Politica giovedì 04 dicembre 2014 ore 11:01

Immigrati "Evitare tensioni nell'accoglienza"

Il consiglio regionale ha approvato all'unanimità una mozione presentata da De Robertis (Pd) per chiede un maggior coordinamento fra gli enti



FIRENZE — “In materia di immigrazione la Toscana ha fatto tanto, è vero, ma ad oggi è necessario un maggior coordinamento tra i vari enti che si trovano a gestire progetti di prima accoglienza o situazioni di emergenza. Questo per evitare situazioni di tensione come quelle verificatesi nelle settimane scorse a Badia Prataglia, in provincia di Arezzo”. In estrema sintesi è questa la richiesta avanzata alla giunta regionale dalla mozione presentata da Lucia De Robertis, vicepresidente del gruppo Pd in Regione, e approvata all'unanimità dall'assemblea toscana. 

“La Regione deve mettere in atto tutte le iniziative possibili per coniugare il passaggio dalla prima accoglienza dei cittadini extracomunitari e i servizi organizzati dagli enti locali, dislocati nei vari territori -  ha spiegato De Robertis - L’obiettivo è quello di collocare in mano agli enti locali la competenza in tema d’accoglienza e dare vita a forme di premialità verso quei progetti che risultino accompagnati dal parere favorevole dell’amministrazione comunale del territorio interessato. Per far questo è necessario che la Regione si attivi presso tutte le sedi opportune, a partire dalla Conferenza Stato-Regioni, per giungere a un tavolo di coordinamento regionale con richieste ben precise".

"Dobbiamo continuare nella realizzazione di progetti di accoglienza di dimensioni medio-piccole, ideati e attuati a livello locale, d’intesa con le Prefetture e con la diretta partecipazione dei soggetti del terzo settore presenti sul territorio –  ha concluso De Robertis - E’ importante individuare criteri idonei a conseguire un’equa distribuzione dei migranti sul territorio regionale al fine di costruire e rafforzare una cultura dell’accoglienza presso le comunità cittadine e allo stesso tempo favorire una estensione dei percorsi di inserimento socio-economico. Mettere in campo politiche di integrazione e di accoglienza significa anche coordinarsi con i territori e dare vita a percorsi di inserimento legati anche ai servizi che i territori sono in grado di offrire, al numero della popolazione residente, e alla funzionalità delle infrastrutture presenti”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 78 anni disperso nei boschi dell'Amiata è stato ritrovato senza vita dai volontari che avevano attivato un piano di ricerche a tappeto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità