Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE22°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»

Cronaca giovedì 15 febbraio 2024 ore 20:00

Assunzioni e matrimoni di comodo per i permessi di soggiorno

Conclusa un'articolata indagine della guardia di finanza. 97 persone indagate. Tra loro 4 professionisti considerati al vertice dell'organizzazione



PRATO-PISTOIA — La guardia di finanza ha stroncato un maxi giro di false assunzioni di lavoro e di matrimoni di comodo organizzati dietro pagamento al fine di ottenere il rilascio di permessi di soggiorno.

Le indagini condotte dalle fiamme gialle sono partite da una azienda del territorio pratese che, secondo quanto emerso, nel tempo avrebbe assunto 124 persone in modo fittizio, proprio in prossimità delle scadenze dei documenti per il soggiorno.

Successivamente sono emersi ulteriori scenari investigativi ma con lo stesso denominatore comune: quello del favoreggiamento o lo sfruttamento dell’immigrazione clandestina. Gli accertamenti si sono dunque ramificati in diversi filoni che, a conclusione delle indagini, hanno portato al rinvio a giudizio di 97 persone con accuse che vanno, a vario titolo, dal favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, alla falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, fino alla sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte. Tra gli accusati ci sarebbero anche 4 professionisti delle province di Prato e Pistoia, considerati al vertice dell'organizzazione.

Un filone, come detto, riguarda i matrimoni comodo, ovvero organizzati, dietro un pagamento di 5mila euro, tra italiani e donne straniere al fine di far ottenere a queste ultime il permesso di soggiorno.

Gli altri due filoni investigativi hanno riguardato la presentazione delle domande di sanatoria per regolarizzare lavoratori stranieri impiegati come braccianti o come collaboratori domestici e un sistema illecito di imprese "apri e chiudi" con il quale più ditte avrebbero accumulato e mai saldato circa un milione di euro di debiti nei confronti dell'erario.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'orrore si è consumato nella notte: lui l'ha avvicinata con gentilezza, poi l'ha afferrata per il collo e minacciata costringendola ad appartarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca