Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10°11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 12 novembre 2019

Attualità giovedì 03 ottobre 2019 ore 12:34

Pronto Soccorso, nuovo piano per l'accoglienza

La Regione ha stanziato 900mila euro per finanziare un piano destinato a migliorare l'esperienza al pronto soccorso dei pazienti e dei loro familiari



FIRENZE — Addetti all'accoglienza, creazione di percorsi specifici, differenziazione del flusso di pazienti, informazioni sui tempi di attesa e sul funzionamento del pronto soccorso: sono questi i punti principali del nuovo piano approvato dalla giunta regionale per migliorare l'esperienza vissuta al pronto soccorso dai pazienti e dalle loro famiglie. Un insieme di azioni che dovranno essere messe in  atto dalle aziende sanitarie grazie a un finanziamento complessivo di 900mila euro.

I 38 Pronto soccorso della Regione Toscana sono impegnati ogni anno nella gestione di oltre  un milione e mezzo pazienti: oltre quattromila ogni giorno. A questi si aggiungono i familiari o le altre persone che accompagnano il paziente. Il Pronto soccorso è una delle principali porte di accesso all'ospedale, e in alcuni casi, in particolare per la popolazione più vulnerabile, rappresenta spesso la prima modalità di contatto con il sistema dei servizi sanitari. Il numero crescente di accessi pone i Dipartimenti dell'Emergenza Urgenza sotto forte pressione, e può determinare un'esperienza percepita come negativa, sia da parte dei pazienti che del personale. L'attesa, la non conoscenza del percorso da parte dei pazienti, già in una situazione di vulnerabilità, possono ingenerare tensioni.

La soddisfazione del paziente sta diventando sempre più importante come indicatore della qualità di assistenza fornita dai servizi sanitari. La letteratura di settore individua in questi elementi i principali determinanti della soddisfazione dei pazienti: empatia, tempestività delle risposte (tempo di attesa), competenza degli operatori, adeguata informazione. E la gestione delle attese è uno dei fattori percepiti come più importanti dai cittadini. Altro punto critico è la mancanza di conoscenza da parte dei pazienti di come realmente funziona il PS.

"In questi ultimi anni - dice l'assessore Saccardi - in Toscana abbiamo fatto molto per migliorare i Pronto soccorso e rendere più fruttuoso l'incontro tra il sistema sanitario e i cittadini nei percorsi di emergenza urgenza. Ma anche in Toscana, come nelle altre regioni e in altri Paesi, si è verificato un incremento delle aggressioni, verbali e fisiche, al personale sanitario, in particolare nei Pronto soccorso. Con questo Piano, vogliamo indicare alle aziende sanitarie tutte le azioni da mettere in atto per migliorare l'esperienza dei pazienti e dei familari, e di conseguenza anche degli operatori, soprattutto nel periodo dell'attesa".



Tag

Depistaggi Cucchi, parte civile su astensione giudice: «Questione di opportunità»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità