Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 03 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio nel Messinese, strade allagate e persone intrappolate nelle auto

Politica mercoledì 14 dicembre 2016 ore 16:20

Il Senato si fida e il governo Gentiloni decolla

Maria Elena Boschi, Paolo Gentiloni, Luca Lotti

Con 169 voti a favore e 99 contrari (fra cui quelli del M5S), l'assemblea di Palazzo Madama ha votato la fiducia al nuovo esecutivo



ROMA — Risolta in poco più di una settimana la crisi di governo aperta dalle dimissioni dell'ex premier Matteo Renzi dopo la sconfitta al referendum costituzionale.

Prima la Camera e poi il Senato hanno votato la fiducia al nuovo esecutivo "di responsabilità" guidato dall'ex ministro degli esteri Paolo Gentiloni, in pratica quasi un doppione del vecchio governo Renzi visto che quasi tutti i ministri sono stati riconfermati. 

Le poche novità riguardano due toscani e renziani doc, Maria Elena Boschi e Luca Lotti, la prima promossa sottosegretaria alla presidenza del Consiglio (l'ex potentissimo ruolo di Lotti) e il secondo ministro allo sport con deleghe al Cipe e all'editoria; poi il passaggio di Angelino Alfano agli Esteri dagli interni, dove il suo posto è stato assegnato a Marco Minniti, la nomina di Claudio Vincenti al ministero per il mezzogiorno e quella di Valeria Fedeli alla pubblica istruzione al posto della toscana Stefania Giannini (l'unica non riconfermata). Fedeli che ha già rimediato una figuraccia: sul sito della Camera, Valeria Fedeli ha dichiarato di essere laureata in scienze sociali, titolo di studio risultato non conseguito. Per un ministro della pubblica istruzione, ci poteva essere un inizio migliore.

Adesso si apre la partita strategica delle nomine dei viceministri e dei sottosegretari, attese a breve.

Alla votazione in Senato, dove il nuovo governo sostenuto da Pd e Ncd ha una maggioranza piuttosto risicata, non hanno preso parte parte gli esponenti della Lega Nord e di Ala, il partito di Denis Verdini. Sono invece rimasti in aula innalzando il quorum i senatori del Movimento 5 Stelle e in blocco hanno votato contro la fiducia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno