Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella a Sanremo, la standing ovation dell'Ariston poi canta l'«Inno» e si commuove alle parole di Benigni

Attualità sabato 19 novembre 2022 ore 15:00

Messaggi ingannevoli su contratti luce, 7 società sanzionate dall'Antitrust

interruttore

Le sanzioni irrogate dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato ammontano complessivamente a più di 5 milioni di euro



ROMA — Ammontano complessivamente a oltre 5 milioni di euro le sanzioni irrogate dall'Antitrust a 7 società per messaggi ingannevoli rispetto ai contratti energetici, usati in promozione di offerte commerciali Enel tramite call center e segreterie telefoniche automatizzate in campagne rivolte a clienti appartenenti al mercato tutelato. 

A dare notizia del provvedimento è la stessa Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) secondo cui le società si sarebbero rese protagoniste di condotta aggressiva a causa delle insistenti e ripetute telefonate che diffondevano il messaggio preregistrato, anche dirette ai moltissimi consumatori che non avevano fornito un preventivo consenso ad essere contattati per finalità di marketing.

L’Autorità garante ha irrogato a Enel Energia Spa una sanzione amministrativa pari a 3.500.000 euro, a Conseed Srl e Seed Srl, in solido, una sanzione amministrativa pari a 1.000.000 euro, a Zetagroup Srl una sanzione amministrativa pari a 280.000 euro, a New Working Srl, Run Srl e Sofir Srl, rispettivamente, una sanzione amministrativa pari a 100.000 euro.

Il procedimento è nato a seguito delle segnalazioni dei consumatori che evidenziavano, si legge nella nota dell'Agcm, "l’ingannevolezza di un messaggio preregistrato diffuso da una sedicente segreteria telefonica di Enel e da operatori di call center, riguardante la data di cessazione del mercato tutelato, cioè del regime di maggior tutela del prezzo nel settore dell’energia per i clienti finali di piccole dimensioni". 

"Tale termine, attualmente previsto al 10 Gennaio 2024, era indicato dagli operatori come imminente o, comunque, di gran lunga anticipato rispetto alla data di cessazione effettiva. In alcuni casi - spiega l'Antitrust - il passaggio dal mercato tutelato a quello libero dell’energia è stato prospettato, contrariamente al vero, come obbligatorio. L’informazione ingannevole aveva lo scopo di indurre i consumatori a sottoscrivere un contratto sul mercato libero dell’energia con Enel".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità